Tu sei qui

MotoGP, Sorpresa: è KTM la sola Casa ad aver vinto in tutte le (attuali) categorie

La Honda ha il primato per numero di vittorie nel MotoGP a partire dal 2002. La Ducati ha vinto gli ultimi tre mondiali costruttori dopo un predominio giapponese che andava avanti dal 2007. Le cinque Case più vincenti di sempre in MotoGP

MotoGP: Sorpresa: è KTM la sola Casa ad aver vinto in tutte le (attuali) categorie

Share


Con il motomondiale appena concluso e la fresca vittoria del ducatista Francesco Bagnaia, al suo primo titolo nella classe regina, non ci resta che puntare gli occhi alla prossima stagione 2023. Il via scatterà a Portimao il 26 marzo e sulla griglia di partenza avremo un nuovo pilota, Augusto Fernandez, e due nuovi team, Aprilia RNF e Gas Gas, un altro marchio di KTM.

Gli appassionati di scommesse MotoGP potranno puntare sul team Aprilia factory, con Aleix Espargaro e Maverick Vinales; su Repsol Honda con Marc Marquez e Joan Mir; sullo Yamaha factory di Fabio Quartararo e Franco Morbidelli o su Enea Bastianini in coppia con Bagnaia nel Ducati factory, oltre ovviamente a tutti gli altri piloti e gli altri team.

Team diversi ma ugualmente competitivi per un mondiale dall’esito mai così incerto come questo 2023. A dispetto degli anni passati, con predomini più o meno lunghi, veniamo da quattro edizioni che hanno visto 4 campioni diversi. In ordine Marquez su Honda (2019), Mir con la Suzuki (2020), Quartararo con la Yamaha (2021) e Bagnaia con la Ducati MotoGP (2022). Nessuno può dunque prevedere quale sarà l’esito di questo mondiale.

Per quanto riguarda il mondiale costruttori abbiamo una certa continuità per la casa motociclistica di Borgo Panigale, che ha vinto gli ultimi tre mondiali costruttori dopo un predominio giapponese che andava avanti dal 2007, ultimo titolo italiano. Proprio in riferimento alle Case più vincenti della storia della MotoGP (quindi dal 2002 ad oggi), vediamo quale è la classifica attuale prendendo in riferimento le vittorie nei singoli gran premi.

Honda (156)

La Honda ha il primato per numero di vittorie nel MotoGP a partire dal 2002. Anche nella precedente classe 500 aveva il record di vittorie totali (156) e attualmente surclassa tutti gli avversari nella classifica di tutti i tempi e di tutte le classi con 815 GP vinti dal 1949 ad oggi. La Yamaha, seconda, dista 298 lunghezze.

Se ragioniamo in termini di titoli costruttori, la Honda ha vinto 12 titoli su 21 edizioni con la RC 211V prima e la RC 213V poi. Piloti come Rossi, Hayden, Stoner e Marquez hanno contribuito, con i loro successi, al predominio della casa giapponese.

Yamaha (125)

Secondo posto per la diretta rivale in oriente e nel mondo. La Yamaha racing ha ritrovato il successo in MotoGP grazie all’approdo, nel 2004, di Valentino Rossi, proprio dalla casa rivale Honda. Rossi ha avuto il merito di vincere il mondiale dopo 12 anni dall’ultima vittoria, nel ‘92, ad opera dell’americano Wayne Rainey.

Il team Yamaha ha conquistato il titolo costruttori per 5 stagioni con la YZR M1 guidata da Rossi, Lorenzo e Quartararo. Qualche dissapore con Viñales, in squadra con Quartararo, non gli hanno permesso di vincere il titolo costruttori nel 2021 nonostante il successo del pilota francese.

Ducati (70)

La Ducati è salita alla ribalta negli ultimi tre anni, conquistando 3 titoli costruttori consecutivi dopo l’ultimo del 2007. Casey Stoner era il pilota a bordo della Desmosedici GP7, insieme a Loris Capirossi, che ha decretato la prima vittoria della casa di Borgo Panigale nella MotoGP.

Poi nulla più fino al 2020, quando i risultati del factory team, del Pramac e del team privato Esponsorama riportano il titolo marche dopo tredici anni dall’ultimo. Nel 2021 ancora Ducati grazie al duo Bagnaia/Miller nel team ufficiale e Zarco, migliore tra gli indipendenti. Il 2022 sappiamo com’è finita, con il titolo costruttori messo in bacheca già a cinque gare dalla fine del mondiale.

Suzuki (8)

La Suzuki racing ha dalla sua solamente 8 trionfi nonostante un trascorso fatto di 89 successi in classe 500, 35 in classe 125 e 30 in classe 50. Evidentemente la MotoGP è diversa, competere con queste modalità non è ancora fattibile e la terza casa giapponese più vincente manca di team competitivi.

Nonostante Joan Mir nel 2020 si è aggiudicato il titolo piloti a bordo della GSX-RR, e insieme ad Alex Rins hanno vinto la classifica a squadre, per la classifica costruttori si parla saolo di terzo posto.

KTM (7)

Chiudiamo con la Kronreif und Trunkenpolz Mattighofen, meglio conosciuta come KTM. La casa austriaca si aggiudica l’ultimo posto di questa speciale top 5, con 7 vittorie in MotoGP. Fa il suo esordio nella gara conclusiva della stagione 2016, con la nuova RC16, per poi disputare l’intera stagione nel 2017.

Pol Espargaró e Bradley Smith sono i piloti del KTM Factory Racing per il biennio 2017-18, portando la casa austriaca al quinto posto in classifica costruttori. Nel 2019 si aggiungono due moto con il team Red Bull KTM Tech3, ma la stagione termina di nuovo al quinto posto. Primi successi nel 2020 e nel 2021 grazie ai piloti Brad Binder e Miguel Oliveira.

La KTM è l’unica ad aver vinto in tutte le categorie. Oltre ai 7 successi nella classe regina, vanta anche 14 vittorie in Moto2 e 80 in Moto3.

Articoli che potrebbero interessarti