Tu sei qui

Multe: con l'inflazione, potrebbero salire (parecchio) gli importi

Il Codice della Strada prevede un adeguamento ogni due anni sugli importi delle sanzioni. Si tratta di un adeguamento alla variazione dell'indice dei prezzi al consumo. Un "rosso" o un parcheggio in divieto di sosta costeranno più cari

Auto - News: Multe: con l'inflazione, potrebbero salire (parecchio) gli importi

Share


A Gennaio arriverà una nuova stangata? Può essere, e parliamo delle multe stradali. Il Codice della Strada potrebbe vedere un rincaro stimato in un 11% circa, in merito alle multe. Parliamo di un adeguamento che va naturalmente calcolato in base alla variazione dell'indice dei prezzi al consumo verificatasi nei due anni precedenti. Qualche esempio? Un semplice divieto di sosta? Dagli attuali 42 euro ai 46. Utilizzo del cellulare alla guida? Da 165 a 183 euro. Ed ancora, un accesso vietato alla ZTL, da 83 a 92, il mancato utilizzo del casco o delle cinture di sicurezza, da 83 a 92. Il semaforo rosso "bruciato", da 167 a 185 euro. Fa "paura", il superamento dei limiti di velocità di oltre 60 km/h. Dagli attuali 845 a 938 euro.

E' Simone Baldelli a denunciare la problematica, ex Commissione parlamentare di inchiesta sui consumatori e da anni protagonista di battaglie in favore della trasparenza in tema di sanzioni stradali. "Il governo blocchi l'adeguamento degli importi delle sanzioni". E' stesso lui a ricordare l'articolo 195 del Codice della Strada: "la misura delle sanzioni amministrative pecuniarie è aggiornata ogni due anni in misura pari all'intera variazione, accertata dall'Istat, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (media nazionale) verificatasi nei due anni precedenti. Entro il primo dicembre di ogni biennio, il Ministro della giustizia, di concerto con i Ministri dell'economia e delle finanze, e delle infrastrutture e dei trasporti, fissa, seguendo i criteri di cui sopra, i nuovi limiti delle sanzioni amministrative pecuniarie, che si applicano dal primo gennaio dell'anno successivo".

E così conclude su Twitter: "Di questi tempi è già abbastanza difficile affrontare l'inflazione a due cifre. Chiedo a governo e parlamento una norma per bloccare al più presto il sostanzioso aumento degli importi delle multe stradali previsto per le prossime settimane". E' vero che tutto è aumentato e tutto sta aumentando, così come è vero che gli stipendi restano i medesimo. Vedremo se il Gverno Meloni procederà con l'aumento d'ufficio, oppure concederà uno slittamento degli adeguamenti.

Articoli che potrebbero interessarti