Tu sei qui

SBK, Il ritorno di Rea: spezzato il digiuno in Gara 1, a Ducati il titolo costruttori

In una gara partita sul bagnato e decisa con la strategia per il cambio gomme al box, Jonathan Rea torna alla vittoria a Phillip Island dopo sei mesi. Sul podio Toprak Razgatlioglu ed Alex Lowes. Soltanto quinto Alvaro Bautista, ma Ducati si assicura lo stesso il titolo costruttori

SBK: Il ritorno di Rea: spezzato il digiuno in Gara 1, a Ducati il titolo costruttori

Share


Il Cannibale è (finalmente) tornato. Dopo sei lunghi ed eterni mesi, da Gara 2 del round di Estoril dello scorso mese di maggio, Jonathan Rea ha interrotto il digiuno in Gara 1 del Mondiale Superbike a Phillip Island. In una corsa pazza, partita su asfalto bagnato e decisa con la strategia del flag to flag, il sei volte iridato ha azzeccato il momento ideale per passare alle slick ed ha preso il largo verso la vittoria numero 118 in Superbike, la sesta stagionale nonché la settima di sempre in Australia.

Niente da fare per Toprak Razgatlioglu, entrato ai box insieme a Rea, ma perdendo secondi preziosi (5-6) nel cambio gomme e nel giro d'uscita che il pilota Yamaha si è portato fino alla bandiera a scacchi. Sabato dolcissimo in casa Kawasaki con Alex Lowes che giunge terzo (per la terza volta in stagione) nel luogo dove vinse nel 2020, seppur reo di aver aspettato un paio di giri di troppo prima di entrare mentre si trovava in testa.

Sono stati 22 giri dal doppio volto invece per il fresco Campione 2022 Alvaro Bautista: sul bagnato se l'è giocata a viso aperto con Rea, Razgatlioglu e Lowes, ma sull'asciutto non si è rivelato altrettanto efficace e, in aggiunta al tardivo pit stop, nella seconda parte di gara si è fatto sopravanzare anche da un solido Andrea Locatelli (4°). Il quinto posto dello spagnolo consente comunque a Ducati di festeggiare per aver portare a casa il diciottesimo titolo costruttori della propria storia con due manche d'anticipo.

Discorso analogo per Axel Bassani, settimo al traguardo dopo un grande recupero dalle retrovie fino al quinto posto nelle prime fasi di gara. Mentre è da rimarcare la prestazione di Kyle Smith su Kawasaki Pedercini, in zona punti con il dodicesimo posto e unico ad aver completato la corsa con gomme da bagnato. Appuntamento a domani per le ultime due gare (Superpole Race e Gara 2) del Mondiale Superbike 2022, con le previsioni meteo che, ancora, non promettono nulla di buono.

RISULTATI GARA 1 SBK:

BANDIERA A SCACCHI Jonathan Rea mette fine al digiuno di sei mesi (24 gare) e torna alla vittoria in Gara 1 a Phillip Island!!! Settimo successo della carriera in Australia. Toprak Razgatlioglu e l'altra Kawasaki KRT di Alex Lowes completano il podio. Alvaro Bautista è quinto dietro ad Andrea Locatelli.

GIRO 22 Ultimo giro per Rea.

GIRO 21 Bruttissimo botto di Van der Mark al tornantino Jack Miller, BMW distrutta nella carambola sulla ghiaia. Rider OK.

GIRO 20 Razgatlioglu vola, ma il distacco da Rea resta ampio: cinque secondi. Impensabile colmarlo in poco meno di tre giri.

GIRO 19 Ciononostante per Ducati si sta avvicinando sempre di più il titolo costruttori.

GIRO 18 Bautista sembra poco in palla in questi ultimi giri, adesso è scivolato dietro pure a Locatelli in quinta posizione.

GIRO 17 Si sta profilando un duello-a-tre per il terzo gradino del podio tra Bautista, Lowes e Locatelli. Lowes passa Bautista dall'esterno!

GIRO 16 Rea è in fuga con quasi sei secondi di vantaggio su Razgatlioglu, fresco di sorpasso su Smith (ancora in pista con gomme da bagnato).

GIRO 15 Redding invece va ai box, Rea è in scia a Smith e lo sfila con facilità al tornantino intitolato a Jack Miller. Il Cannibale è tornato al comando della gara.

GIRO 14 Vanno avanti Redding e Smith, i quali potrebbero tentare l'azzardo di arrivare fino al traguardo. 

GIRO 13 Rientra ai box Lowes. In testa c'è Redding, poi Smith e Konig. Nessuno dei tre si è ancora fermato, ma dietro Rea con le slick sta recuperando quasi dieci secondi al giro!

GIRO 12 Lowes prosegue, mentre ai box è il turno di Bautista.

GIRO 11 Salta il banco e fanno la stessa cosa anche Rea e Razgatlioglu, verosimilmente gomme slick per entrambi. Lowes e Bautista sono sempre in pista, Possibile punto di svolta della gara.

GIRO 10 Fores, Rinaldi e Mercado giocano il jolly e rientrano al box per cambiare le gomme.

GIRO 8 Lowes ancora! Non si ferma più e sorpassa anche il compagno di squadra Rea. Intanto il sole sta picchiando sul tracciato e l'asfalto si sta asciugando sensibilmente. Le gomme inizieranno a soffrire...

GIRO 7 Si fa di nuovo sotto Lowes che alla prima occasione utile infila Razgatlioglu per la seconda posizione. Doppietta Kawasaki KRT al momento in testa. Il Campione BSB 2013 è una garanzia tra i curvoni di Phillip Island, dove vinse nel 2019.

GIRO 6 Razgatlioglu è indemoniato: giro veloce della corsa e sfruttando la scia di Rea si mette in prima posizione!

GIRO 5 Rea e Razgatlioglu allungano nei confronti della coppia Lowes-Bautista, mezzo secondo il loro vantaggio attuale.

GIRO 4 Razgatlioglu e Lowes sopravanzano con decisione Bautista che in un giro e mezzo è passato dalla prima alla quarta posizione.

GIRO 3 In poche curve Rea infila sia Razgatlioglu che Bautista ed è adesso al comando della gara. I primi quattro, compreso un ottimo Lowes fin qui, stanno prendendo il largo.

GIRO 2 Non sta più piovendo, ma la quantità d'acqua in pista è molta. Rischio per Rea che passa sul cordolo scivolosissimo nel tentativo di attaccare Razgatlioglu. Fenomenale Bassani che sfila Locatelli e si porta quinto dopo essere partito 14esimo! 

PARTENZA Bautista in allungo mantiene la leadership alla prima curva. Ottima scatto di Razgatlioglu che guadagna subito due posizioni e si mette in scia al Ducatista, con Rea terzo su Lowes.

05:58 Warm lup in corso.

05:50 Situazione in divenire, se non altro però quantomeno la prima parte di gara si svolgerà su asfalto bagnato. A tal proposito diamo uno sguardo ai risultati della FP3, disputatasi proprio su fondo viscido nella mattinata australiana, in cui Jonathan Rea ha mostrato un passo nettamente superiore alla concorrenza con gomme rain. Il bagnato può rappresentare un valido alleato per il Cannibale?

05:45 Tra 15 minuti circa lo spegnimento dei semafori: si prospetta una Gara 1 all'insegna dell'incertezza con pista bagnata, forti raffiche di vento e basse temperature... nel frattempo si stanno aprendo squarci di sereno nel cielo di Phillip Island.

05:40 Di seguito la griglia di partenza di Gara 1.

Fuoco alle polvere per Gara 1 del Mondiale Superbike a Phillip Island. La manche del sabato scatterà alle ore 6:00 italiane, le 16 locali, con il neo-Campione 2022 Alvaro Bautista a scattare dalla prima casella dello schieramento. Alla sesta pole position della carriera nonché la seconda della stagione, il Ducatista si è messo alle spalle la coppia Kawasaki KRT composta da Jonathan Rea (2°) ed Alex Lowes (3°).

Ad aprire la seconda fila tutta Yamaha c'è invece Toprak Razgatlioglu, in grande spolvero a Mandalika e fin qui poco incisivo tra i veloci curvoni australiani, con Andrea Locatelli e Garrett Gerloff al suo fianco. Occhi puntati verso il cielo in quanto il meteo appare particolarmente instabile e l'incertezza regna sovrana: sull'asciutto Bautista ha mostrato un grande passo, mentre sul bagnato Rea può giocarsi le sue carte come testimoniato dai risultati della FP3.

Leggi QUI quanto accaduto nella Tissot Superpole.

Articoli che potrebbero interessarti