Tu sei qui

SBK, Bassani miglior pilota indipendente: "ora voglio vincere una gara"

"So di poterlo fare, ma devo essere competitivo fin dal venerdì, non arrivarci la domenica. Spero che il prossimo anno Ducati mi aiuti per stare con i primi"

SBK: Bassani miglior pilota indipendente: "ora voglio vincere una gara"

Share


A Mandalika non festeggiava solo Alvaro Bautista, anche Axal Bassani aveva la maglietta con il numero 1 per avere conquistato il primo posto fra i piloti indipendenti, lo stesso ha fatto il suo team Motocorsa fra le squadre.

Prima della stagione questo ero il mio obiettivo, perché l’ho scorso anno non c’ero riuscito per una caduta all’ultima gara. Ora ce l’ho fatta con 4 gare d’anticipo, penso che abbiamo fatto veramente un bel lavoro perché il 2° in classifica è dietro di me di 100 punti” ha sottolineato il pilota veneto, che non vuole fermarsi e anzi rilancia. “Ho fatto 3 podi e ora voglio vincere una gara perché penso di poterlo fare” non si è nascosto.

Bassani è logicamente contento di questo risultato, ma ha anche l’obiettività di sapere quali sono ancora i suoi limiti.

Ho bisogno di iniziare bene dal venerdì perché di solito riesco a essere competitivo solo la domenica mattina - la sua autocritica - Facendo così è difficile, perché i 3 che stanno sempre davanti sono a posto già dal venerdì pomeriggio. Devo fare come loro”.

Avrà ancora il round di Phillip Island per smussare gli ultimi spigoli, poi sarà ora di pensare al 2023.

“Spero che il prossimo anno Ducati possa aiutarmi a stare con i migliori perché è il mio obiettivo, voglio vincere e cercare di stare nei primi 3 posti in campionato. Penso che potremo farcela perché non sono così lontano è fiducioso.

C’è anche un’altra cosa che sa di dovere migliorare, la gara sprint che proprio non gli va giù.

Non mi piace la Superpole Race, secondo me non è una gara - ha confessato Axel - Devi spingere come un’animale per 10 giri senza gestire. Con 3 gare ogni fine settimana è difficile, soprattutto in circuiti come Mandalika, dove fa molto caldo. Questo non significa che non potrò essere competitivo anche in quella gara se mi metterò a posto”.

Articoli che potrebbero interessarti