Tu sei qui

MotoGP, Pecco Bagnaia: "Usare il numero 1? Mi affascina ma mette pressione"

"Domenica è calata la tensione e sono stato male, non ho nemmeno festeggiato. Ora ho bisogno di vacanze e ci vado sereno dopo avere provato oggi la nuova Ducati"

MotoGP: Pecco Bagnaia: "Usare il numero 1? Mi affascina ma mette pressione"

Share


Bagnaia non ha avuto nemmeno un momento per godersi il titolo, oggi era già nel box al lavoro. A ricordargli quello che aveva fatto le scritte sulla parete del suo box: “le hanno fatte Migno e la sua ragazza Fiammetta, vorrei tenere quel pannello” sorride Pecco. Per il resto è quello di sempre, analitico mentre racconta la sua giornata, come se nulla fosse successo.

Cosa hai pensato lunedì mattina quando ti sei svegliato da campione del mondo?
Che ero contento di non avere bevuto nulla domenica sera così ho potuto godermi una giornata di relax. Di solito, quando la notte prima si festeggia, il giorno dopo si è un po’ cotti. Penso che abbia influito il calo di tensione, ma domenica sera ho avuto un gran mal di stomaco e sono dovuto andare a letto presto. Lì per lì ero incazzato di perdermi la festa, ma alla fine è andata bene. Lunedì sono andato a pranzo con gli altri piloti dell’Academy e a cena con gli amici di Chivasso”.

Quindi non ti senti ancora un campione del mondo?
Sinceramente no. Ho detto a Ducati che concederò loro ancora una settimana in cui farò tutto quello che vogliono e poi staccherò il telefono. Non ho ancora avuto un momento per pensare quello che ho fatto, ho mille eventi a cui partecipare”.

Ti spaventano i tanti impegni?
No, ma sento la necessità di andare in vacanza. È stato un finale di stagione molto intenso, ho sentito tanta tensione e la dimostrazione è stata domenica sera, dove sono stato male”.

Hai anche un appuntamento con il Presidente della Repubblica Mattarella.
“È bellissimo, avevo già avuto l’opportunità di conoscerlo lo scorso anno ed era stato un onore. Sarei felicissimo se avessi l’opportunità di portare anche tutta la mia squadra, perché non solo io ho vinto il titolo.

Quanti messaggi hai ricevuto?
Non sono riuscito a leggerne nemmeno uno, non ho idea di quanti siano ma sono tantissimi. Cercherò di rispondere a tutti, mi dispiacerà se non ci riuscirò”.

Userai il numero 1 il prossimo anno?
Sono contento di avere questo tipo di problema (ride). Devo pensarci su, perché non tutti possono usarlo, ma dall’altra parte ti mette pressione. Sono sempre stato affascinato da quei piloti che hanno scelto di metterlo sulla propria carena, vedremo”.

Anche senza quel numero sarai l’uomo da battere…
Spero solo di non sentire più quelle sensazioni che ho provato domenica”.

Hai avuto molte cose da fare oggi?
Ho avuto abbastanza cose da provare, è normale. Rispetto allo scorso anno però siamo in una situazione abbastanza diversa, perché la nuova moto è un’evoluzione della precedente, non una rivoluzione. Sinceramente sono contento di tutto, anche se questo pomeriggio abbiamo perso un po’ di tempo per una gomma che non funzionava come avrebbe dovuto. Mi sono spaventato per un momento, ma appena abbiamo montato due pneumatici nuovi è andato tutto bene. Il nuovo motore ha una erogazione più dolce: era la sua prima volta in pista, prima lo avevano provato solo al banco, e funziona già bene”.

Della nuova carena cosa puoi dire?
Sento più il vento in rettilineo, ma la maneggevolezza è migliorata. Per quanto riguarda la parte inferiore diversa, preferisco la versione standard. In generale, per quello che ho provato oggi vado in vacanza abbastanza sereno.

Non temi che si possano ripetere gli errori di inizio anno?
Quella lezione ci servirà molto per il futuro”.

Articoli che potrebbero interessarti