Tu sei qui

VIDEO - Live da EICMA: Honda XL750 Transalp 2023

Nuovo motore bicilindrico parallelo ad 8 valvole da 92 CV, 5 Riding Mode, TFT ed anteriore da 21". Ecco il nuovo riferimento per la categoria

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Che attesa... infinita! Oggi però, ci siamo. La prima Honda Transalp, presentata nel 1986 con un motore bicilindrico a V di 583 cc, è divenuta a dir poco leggendaria. All'epoca, la sua ambizione era quella di essere una crossover "tuttofare", maneggevole e comoda, in grado di affrontare i terreni più accidentati grazie alle sospensioni a lunga escursione e a un dinamismo e una leggerezza ideali anche per l'off-road. Nel 2000 arrivò la prima importante evoluzione del motore, che raggiunse i 647 cc (XL650V Transalp), e nel 2008 l’ultima versione che toccò i 680 cc (XL700V Transalp), passando all'iniezione elettronica, per un peso complessivo con il pieno di benzina pari a 214 kg nella versione con ABS. Ora, ritorna, tutta nuova, e si chiama Honda XL750 Transalp!

Nuovo design, con un tocco di amarcord

Il design della Transalp trasmette un'inconfondibile sensazione di avventura, in connubio perfetto con eccellenti capacità di affrontare qualsiasi percorso. L'assetto rialzato rivela il suo spirito avventuroso, mentre la carenatura e il parabrezza offrono protezione dal vento pur essendo compatti nei volumi. La nuova Transalp si contraddistingue per un look elegante, semplice, essenziale. Il ricco elenco di dotazioni che vedremo sotto, si completa con il display TFT a colori da 5" che riproduce le informazioni in modo chiaro e consente di gestire tutti i sistemi, oltre a fornire la connettività del sistema Honda Smartphone Voice Control (HSVC) per dispositivi Android e IOS. L'illuminazione è garantita da fari full LED; gli indicatori di direzione sono a disattivazione automatica e integrano anche il sistema di segnalazione della frenata di emergenza ESS (Emergency Stop Signal). È disponibile una vasta gamma di accessori, sia di intonazione sportiva che turistica, tra cui il cambio elettronico Quickshifter, borse morbide o rigide e dettagli estetici, per soddisfare ogni preferenza del proprietario. La XL750 Transalp 2023 sarà disponibile in tre accattivanti colori, tra cui, naturalmente, il bellissimo Tricolour che rende omaggio alla XL600V originale, segnando il ritorno di un'icona. Le altre due, sono il Ross White (Tricolour), con cerchi color oro, ed il Mat Iridium Gray Metallic.

Motore da 92 CV

Leggero e perfettamente dimensionato, il motore racchiude le migliori competenze ingegneristiche di Honda per rispondere brillantemente a tutti i regimi: proprio quello che serve per il mototurismo, in solitaria o con passeggero. Si tratta di un bicilindrico parallelo di 755 cc (condiviso con la nuova CB750 Hornet) che eroga una potenza massima di 92 CV (67,5 kW) ed una coppia elevata a tutti i regimi, con un picco di 75 Nm. Le raffinate impostazioni del sistema Throttle By Wire (TBW), messe a punto specificatamente per la Transalp, orientano il carattere dell’erogazione verso il turismo e il comfort. La distribuzione compatta Unicam a otto valvole, resa celebre dai modelli della gamma CRF, sfrutta condotti di aspirazione discendenti e canali di aspirazione a vortice (Vortex Flow Duct) per assicurare una combustione ottimale. L'albero motore a 270° regala, a detta del costruttore, ottime sensazioni e carattere alla guida. Gli ausili elettronici alla guida si avvalgono della tecnologia Throttle By Wire (TBW) che comprende cinque Riding Mode (Sport, Standard, Rain, Gravel e User), quattro dei quali contengono combinazioni preimpostate di potenza e freno motore, ABS e controllo di trazione HSTC (Honda Selectable Torque Control) integrato con l'anti impennata. Il quinto Riding Mode, "User", consente al pilota di definire la propria combinazione preferita.

Ruota anteriore da 21"

La moto è maneggevole, agile e ispira fiducia. Il telaio in acciaio con struttura a diamante è leggero grazie all'ottimizzazione dello spessore e della rigidità delle pareti e dei tubi (pesa appena 18,3 kg, il 10% in meno rispetto al telaio della CB500X, anch’esso con struttura a diamante). Per il massimo comfort su strada e assorbimento degli urti in fuoristrada sono state scelte le migliori sospensioni sul mercato: forcella rovesciata SFF-CA con steli da 43 mm di diametro e ammortizzatore posteriore Showa con leveraggio Pro-Link. Le doppie pinze a due pistoncini su dischi di 310 mm assicurano una frenata efficiente mentre gli pneumatici – da 90/90-21 all’anteriore e 150/70-18 al posteriore (Metzeler Karoo Street o Dunlop Mixtour) – sono ideali per offrire versatilità su strada ed eccellenti doti di manovrabilità in fuoristrada. Il serbatoio è da 16,9 L, mentre il consumo dichiarato nel ciclo WMTC è di 23 km/l.

 

 

Articoli che potrebbero interessarti