Tu sei qui

Moto3, Valencia: doppietta Leopard nelle FP2 con Suzuki davanti a Foggia

Il giapponese è l’uomo più veloce del venerdì, seguito dal compagno di squadra e da Guevara, che non riesce però a migliorare il tempo del mattino

Moto3: Valencia: doppietta Leopard nelle FP2 con Suzuki davanti a Foggia

Share


Il team Leopard fa la voce grossa nel pomeriggio a Valencia, con Tatsuki Suzuki che si piazza in cima alla lista dei tempi in 01'39”467, precedendo per 21 millesimi il compagno di squadra Dennis Foggia, che completa la doppietta della squadra lussemburghese. Un’ottima prova per il pilota italiano, che già al mattino aveva dimostrato di essere molto competitivo sulla pista spagnola, dove si candida per un posto sul podio prima del salto in Moto2.

Non si migliora invece Izan Guevara, 11° nelle FP2 ma terzo nella classifica combinata, grazie al crono di 1’39”533 che gli era valso il miglior tempo nella sessione mattutina. Stessa sorte per Diogo Moreira, quinto nella combinata alle spalle di Carols Tatay. Dopo la caduta di questa mattina in regime di bandiera gialla, si fa però tutto in salita il GP del brasiliano, a cui è stato comminato un Long Lap Penalty da scontare domenica in gara

David Salvador non fa rimpiangere l’assenza di Stefano Nepa piazzando la KTM del team Angeluss MTA in settima posizione, alle spalle di Sergio Garcia. Ottavo posto per Xavier Artigas, che precede Daniel Holgado e Ayumu Sasaki, con il giapponese che non è riuscit a portare a termine il time attack per via di una scivolata in Curva 6 a pochi minuti dalla bandiera a scacchi. Completano la lista dei piloti virtualmente qualificati per la Q2 Deniz Oncu, Ryusei Yamanaka, John McPhee e David Munoz.

Pomeriggio complicato per gli azzurri, con Alberto Surra autore di un highside e Riccardo Rossi e Filippo Farioli rimasti coinvolti in un incidente. Qualche problema anche per Andrea Migno (19°) che non riesce a ritoccare il tempo del mattino a causa di un set-up non perfetto. Pur migliorandosi, restano attardati Elia Bartolini (24°) e Nicola Fabio Carraro (26°).

La classifica combinata

Articoli che potrebbero interessarti