Tu sei qui

MotoGP, Volate mondiali: da Rossi a Marquez, quando una gara vale tutto

Bagnaia e Quartararo si giocheranno il titolo a Valencia, l'ultima volta era successo nel 2017 quando Marc ebbe la meglio su Dovizioso: i precendenti in MotoGP e non solo

MotoGP: Volate mondiali: da Rossi a Marquez, quando una gara vale tutto

Share


Non c’è niente di più emozionante di vedere il titolo assegnato all’ultima gara. Succederà domenica a Valencia, con Pecco Bagnaia e Fabio Quartararo che si giocheranno tutto in un solo GP. Non è la prima volta che succede in MotoGP e a volte i pronostici si sono inaspettatamente ribaltati. Vediamo quali sono stati i precedenti.

2017: Il sogno infranto di Dovizioso e Ducati

Nel 2017 Ducati si trovò in una situazione speculare a quella attuale: Dovizioso era ancora in gioco per il titolo contro Marquez, ma aveva ben 21 punti da recuperare. Come Quartararo ora, Andrea era costretto a vincere sperando che l’avversario chiudesse la gara oltre l’11° posto. Non successe: Marc salì sul podio dieto a Pedrosa e Zarco, mentre il Dovi non arrivò nemmeno al traguardo, scivolando a 5 giri dalla fine quando era 4°. Il pilota Honda poté festeggiare così il suo 6° titolo piloti.

2015: Il Mondiale delle polemiche

Di quel finale di stagione si è detto di tutto e di più, limitiamoci alla cronaca del GP di Valencia. Valentino arrivò in Spagna con 7 punti di vantaggio sul compagno di squadra Lorenzo, ma anche con una penalizzazione rimediata in Malesia che lo costrinse a partire dall’ultimo posto dello schieramento. Rossi riuscì a rimontare fino al 4° posto, ma Jorge vinse la gara e il titolo per 5 punti di vantaggio sul Dottore.

2013: La prima volta di Marquez

Marquez vinse il suo primo titolo in MotoGP in volata, nella sua stagione di debutto. Il testa a testa fu con Jorge Lorenzo, che a Valencia vinse la gara, ma non bastò. Grazie al 3° posto e per 4 punti, fu Marc ad alzare verso il cielo la coppa di campione del mondo.

2006: Lo scivolone di Valentino

Valencia non ha mai portato molta fortuna a Rossi. Quell’anno Valentino riuscì ad arrivare all’ultimo GP con 6 punti di vantaggio su Hayden, recuperandogliene 44 nelle 5 gare precedenti. Al Dottore sarebbe bastato controllare la gara contro un Nicky che non riusciva a salire sul podio da qualche gara, invece andò tutto storto. Rossi cadde a inizio gara, ripartì ma non andò oltre al 13° posto, mentre Hayden con grazie alla 3ª posizione vinse il titolo.

Le altre classi: i tre moschettieri della Moto3 e lo scontro Capirossi-Harada in 250

Tante sono state le sfide all’ultima gara nelle altre classi del motomondiale, ma vale la pena ricordarne qualcuna per la sua particolarità. Sicuramente non si può dimenticare il gran finale della Moto3 nel 2013, con Salom, Vinales e Rins racchiusi in 5 punti a Valencia. Luis cadde, Maverick vinse gara e titolo e Alex f 3° al traguardo.

Nel 1998 il finale fu in Argentina e in 250 la sfida era fra Capirossi e Harada. L’italiano aveva 4 punti di vantaggio, che gli valsero il titolo dopo che Loris buttò a terra il giapponese al termine di una staccata a dir poco azzardata.

Due anni dopo, invece, sempre nella quarto di litro, il titolo fu assegnato al photo finish. Olivier Jacque per 14 millesimi di secondo ebbe la meglio sul compagni di squadra Nakano vincendo gara e campionato.

Articoli che potrebbero interessarti