Tu sei qui

Moto2, Mike Webb: "In Australia avrei dovuto esporre la bandiera rossa"

Il Direttore di Gara risponde a Marc Marquez, che ha chiesto chiarimenti in Safety Commission sull'incidente tra Navarro e Corsi e Phillip Island: "Stiamo cambiando le procedure, non accadrà più una cosa del genere"

Moto2: Mike Webb: "In Australia avrei dovuto esporre la bandiera rossa"

Share


La mancata esposizione della bandiera rossa a Phillip Island dopo l'incidente tra Simone Corsi e Jorge Navarro ha alimentato una polemica che si è protratta anche nelle settimane successive. Quanto accaduto è stato criticato da molti piloti, in primis Marc Marquez che ha dichiarato apertamente che avrebbe richiesto ampi chiarimenti al riguardo durante la Safety Commission di Sepang. 

L'incontro tra direzione gara e piloti c'è stato ed i colleghi di Speedweek hanno raccolto la testimonianza di Mike Webb, Direttore di Gara e responsabile della mancata esposizione della bandiera. Un episodio parecchio controverso, con Corsi e Navarro rimasti diverso tempo a terra nella via di fuga mentre la gara continuava il suo regolare svolgimento, con il rischio enorme che un secondo incidente nello stesso punto potesse avere conseguenze gravissime. Lo stesso Ezpeleta ha commentato quanto accaduto. 

"Ma Marc Márquez è venuto prima della riunione della Safety Commission e mi ha chiesto dell'incidente - ha dichiarato Carlos Ezpeleta a Speedweek - gli ho descritto le circostante così come sono state presentate da Mike Webb. Ho ammesso che si sarebbe dovuta sventolare una bandiera rossa".

Webb ha poi dichiarato quanto segue, assumendosi la responsabilità di un errore che per fortuna non ha causato problemi ai due piloti vittime dell'incidente. 

"Ho permesso il recupero di Navarro in regime di bandiera gialla, perché l'équipe medica mi aveva informato che lo stavano portando via. Le immagini della TV a circuito chiuso che ho visto sui miei monitor ci hanno dato indicazioni molto più chiare del grave pericolo in cui si trovava Navarro rispetto alle immagini convenzionali viste in diretta TV.

"Non tutti gli incidenti richiedono una bandiera rossa. Ma la conclusione è che si, dopo questo incidente sarebbe stata meglio una bandiera rossa. Ne abbiamo parlato con i piloti in Safety Commission in Malesia e abbiamo spiegato loro le circostanze. Abbiamo anche detto che stiamo pensando a dove collocare gli commissari e il personale medico in futuro. Stiamo anche rivedendo l'intera procedura di comunicazione con il Race Control, in modo che una situazione del genere non possa mai più ripetersi".

Articoli che potrebbero interessarti