Tu sei qui

Cinque mesi dopo il TT fa un'altra vittima: addio a Olivier Lavorell

Come ricorderete a due minuti dall'inizio la corsa era stata sospesa perché i debuttanti Chanal e Lavorel erano usciti di strada contro un muretto all’altezza di ‘Ago’s Leap'. Erroneamente all'inizio gli organizzatori avevano dato per morto Lavorel, invece del suo compagno

News: Cinque mesi dopo il TT fa un'altra vittima: addio a Olivier Lavorell

Share


Il TT ha fatto un’altra vittima, con cinque mesi di ritardo sull’incidente.

Si è spento infatti in Francia, dove era stato rimpatriato con un aereo medico Olivier Lavorel.

Come ricorderete a due minuti dall'inizio della corsa era stata sospesa perché i debuttanti Chanal e Lavorel erano usciti di strada contro un muretto all’altezza di ‘Ago’s Leap'. Il punto è molto famoso per una foto presa nel 1970 di Giacomo Agostini con la MV Agusta che effettua il famoso salto.

Fu riportato erroneamente dagli organizzatori la sera stessa la morte del passeggero Lavorel, ma qualche giorno dopo ammisero di aver commesso un errore: era il pilota, César Chanal, a non essere sopravvissuto.
 
Quest’anno dunque il numero delle vittime con Lavorel sale a sei: Mark Purslow, César Chanal, Davy Morgan, Roger e Bradley Stockton.

Questo decesso porta il conteggio dei morti dall'inizio del TT dell'Isola di Man nel 1911 a 266 decessi.

Articoli che potrebbero interessarti