Tu sei qui

MotoGP, Quartararo: "Ho imparato a divertirmi anche quando non sono davanti"

"Domani potrà anche essere la qualifica più importante della stagione, ma è dal Qatar che do il mio massimo e continuerò a spingermi al limite"

MotoGP: Quartararo: "Ho imparato a divertirmi anche quando non sono davanti"

Share


Si può essere contenti anche per un 7° tempo, soprattutto quando arriva con gomme usate e sei in un momento cruciale della tua stagione. Quartararo lo è, come se avesse imparato di nuovo a sorridere e a giocarsi le sue ultime carte con più serenità, senza vivere ogni posizione persa come un colpo dopo il quale è difficile rialzarsi.

Ho avuto buone sensazioni sull’asciutto - Fabio ha iniziato il suo racconto della prima giornata a Sepang - Ho deciso di spingere da subito, il mio passo era intorno ai 2’05” ma le condizioni erano disastrose, il grip era veramente basso. Soprattutto se lo confrontiamo con quello che avevamo nei test, quando l’asfalto era in ottime condizioni dopo avere girato per due giorni. In generale sono contento, soprattutto del mattino perché ho usato la gomma morbida all’anteriore, non è la migliore ma dobbiamo farlo perché non abbiamo abbastanza medie, è sono andato abbastanza bene”.

Quindi usandola migliorerai sicuramente?
Certo perché la nostra moto è molto sensibile alle diverse gomme anteriori. È la prima volta che in frenata, usando la morbida, riesco a essere vicino alle mie prestazioni con la media, ma quest’ultima ci dà più margine, non tanto nella prestazione assoluta quanto nella consistenza, rende tutto più facile per me”.

Sul bagnato come è andata?
La prima uscita è stata difficile, mi sono fermato perché il posteriore scivolava da matti. Poi, nella seconda sono stato veloce da subito, alla fine mi sarei voluto fermare per montare le gomme slick ma mancavano pochi minuti e avrei potuto fare solo uno, forse due giri. Ho deciso di rimanere in pista anche perché solitamente, con l’asfalto asciutto e solo qualche macchia di umido, fatichiamo con gli pneumatici rain e questa volta è andata bene”.

Nessun problema con la pressione delle gomme sul bagnato?
Alla prima uscita sì, ma lo abbiamo risolto immediatamente. A fine turno, confrontandomi con i migliori con le gomme da bagnato, non sono stato distante da loro".

Domani sarà il più importante giorno della tua stagione?
Non la penso in quel modo, potrà anche essere la qualifica più importante dell’anno ma alla fine è dal Qatar che do tutto quello che ho per ottenere il miglior posto sullo schieramento. Non cambierò il mio spirito, non ho niente da perdere, ma la pensavo allo stesso modo in Thailandia e in Australia. Non cambierà nulla, ma spingerò me stesso al mio limite”.

Sembri che ti stia divertendo di più rispetto a quando hai fatto vedere nelle ultime gare.
Ho avuto l’opportunità di parlare con alcune persone ed è andata bene perché voglio sempre di più. In Australia ho fatto ottime qualifiche, ma non mi diverto quando sono 5°, lo faccio quando sono davanti. Mi sono dovuto togliere dalla testa certi pensieri, abbiamo dei problemi con la moto e devo solo divertirmi. È quello che ho fatto oggi e ci sono riuscito.

Articoli che potrebbero interessarti