Tu sei qui

MotoGP, Zarco: "ho sbagliato la partenza, e non guido in modo naturale"

“Mi si è impennata la moto in seconda e terza marcia, quindi c’è stato un taglio di potenza e gli altri sono scappati via. Poi ho commesso un errore dietro Marini quando sono arrivato al gruppo di testa, e questo mi è costato un po'. Non inserisco la moto in modo naturale"

MotoGP: Zarco: "ho sbagliato la partenza, e non guido in modo naturale"

Share


Non è stata una gran giornata per i francesi a Phillip Island. Quartararo è caduto dopo un errore che lo aveva fatto precipitare nelle retrovie, Johann Zarco, invece, dopo una brutta partenza non ha fatto meglio dell’ottava posizione.

“Mi si è impennata la moto in seconda e terza marcia, quindi c’è stato un taglio di potenza e gli altri sono scappati via. - ha spiegato Johann Zarco - l mio sistema di partenza non ha funzionato e non sono riuscito a far abbassare la moto. Questo mi è costato molte posizioni, anche perché la Ducati con il pieno era pesante e non mi arrischiavo a sorpassare perché gli altri erano molto più a loro agio all'inizio della gara. Poi la moto si è alleggerita ed è stato bello avere un buon ritmo: ho spinto davvero tanto e in molti punti ero molto forte. Poi ho commesso un errore dietro Marini quando sono arrivato al gruppo di testa, e questo mi è costato un po'. Così dietro a Marini ho respirato un po’, ma per rimanere con loro ho dovuto continuare a spingere e ho avuto dei buoni scontri, con Brad, con Aleix e anche con Bastianini. Successivamente la lotta con Aleix e Binder,mi ha fatto perdere il contatto con il gruppo dei primi cinque, dove c'era anche Bastianini”.

Partenza a parte non sei sembrato totalmente a tuo agio.
“Avevo un buon ritmo ed è un peccato per la partenza, posso essere molto veloce, ma il feeling sulla moto non è ancora quello giusto. Non appena voglio inserire la moto in curva in modo naturale, all'inizio della gara, c’è sempre lo stesso problema. Se riusciamo a trovare una soluzione, e adattarla al mio stile allora forse potrò andare davvero forte".

Anche Bagnaia ha avuto un problema simile durante le prove.
"L'abbiamo avuto nelle FP1, l'abbiamo studiato e risolto. Stamattina funzionava, anche con le gomme da pioggia, poi in gara non so perché non è andata bene. Forse il diverso set-up crea un problema per la partenza".

Avevi il passo per stare nel primo gruppo.
"Sì, avrei dovuto essere in quel gruppo e stare con loro, per divertirmi di più perché i giri che dovevo fare sotto il 30 non erano facili. Inoltre, quando sono arrivato al gruppo, la gomma anteriore si è surriscaldata ed ha iniziato a scivolare e, anche se non stavo lottando per il podio, non volevo commettere errori, perché l'obiettivo era finire la gara. E poi quando arrivi al primo gruppo è sempre più difficile passare, perché se sono davanti significa che stanno andando veloci. Quindi sì, non sono soddisfatto per la partenza, ma è la prova che dobbiamo trovare una soluzione per aiutarmi a guidare in modo naturale. Perché la realtà è che non guido con naturalezza. In questo modo si può essere veloci, ma non vincere le gare. Bisogna guidare con naturalezza, come ha fatto Rins oggi".

Articoli che potrebbero interessarti