Tu sei qui

SBK, Rinaldi: “In Argentina io e Alvaro possiamo fare doppietta”

“In Gara 2 ho faticato sin dall'inizio e aver saltato le FP3 non ci ha permesso di salire sul podio” racconta Michael, che punta a riscattarsi sul circuito di San Juan Villicum

SBK: Rinaldi: “In Argentina io e Alvaro possiamo fare doppietta”

Share


A dispetto di quanto possa trasparire dai risultati, non è stato un weekend facile per Michael Ruben Rinaldi. Il ducatista vede il bicchiere abbastanza pieno al termine della trasferta a Portimao ma, pur avendo chiuso Gara 2 in quarta posizione, racconta di aver faticato sin dall'inizio della corsa.

“Venerdì è andato bene, ho iniziato al top ed ero lì anche nelle FP2. Poi, nelle FP3 abbiamo avuto un problema al motore e non ho potuto guidare, quindi ho sbagliato la scelta delle gomme per Gara 1 - spiega Michael -. Il feeling con la moto non era dei migliori già da venerdì, anche se ero primo. Siamo migliorati un pochino, ma anche oggi il mio passo era lì e sin dal primo giro ho faticato un po' a guidare. A Magny-Cours - dove ho fatto 2° - o a Barcellona, ero più a mio agio rispetto a qui, dove ad esempio faticavo a far girare a moto. Anche se ero lì davanti non riuscivo a guidare come avrei voluto”.

Un feeling non ottimale  ma un buon passo per la Panigale V4R #21 che, senza la sessione persa sabato mattina, forse avrebbe potuto agguantare il terzo gradino del podio. “Forse ho usato un po' troppo la gomma all'inizio per restare con gli altri, fatto sta che quando è calata a 5-6 giri dalla fine non avevo altre carte da giocarmi, dato che stavo controllando una situazione che era difficile sin dall'inizio. Sono quasi caduto nel tentativo di mantere la posizione ed è anche per questo che non sono riuscito ad andare a prendere Rea", ammette il 26enne. 

“Forse, aver saltato le FP3, e non aver potuto lavorare in modo appropriato con la SC0, non ci ha permesso di salire sul podio, visto che il nostro passo era buono, anche se non lo era il mio feeling. In ogni caso, guardando al quadro generale, il mio obiettivo è quello di lottare per il podio in ogni gara, ma anche di lottare per il campionato nella prossima stagione, quindi sto sfruttando queste gare per avere un pacchetto davvero competitivo il prossimo anno” chiosa Michael, che punta a togliersi qualche soddisfazione in più già dal Round di Villicum: “Penso che io e Alvaro potremo fare 1-2 in Argentina”.

Articoli che potrebbero interessarti