Tu sei qui

Beta RR Racing 2023: le enduro toscane, sono sempre più specialistiche

Svelate le nuove Beta RR Racing 2023, enduro dedicate alle competizioni come agli amatori più esigenti

Moto - News: Beta RR Racing 2023: le enduro toscane, sono sempre più specialistiche

Share


Betamotor presenta le nuove RR Racing 2023 per riscaldare il cuore degli appassionati di Enduro. Come da tradizione Beta, le RR Racing raccolgono tutto ciò che è necessario per rendere le enduro della casa Toscana, pronte per gareggiare nelle situazioni più impervie e nelle competizioni più accese. La principale novità dei modelli 2 e 4 tempi Racing MY2023 è l’introduzione del monoammortizzatore Kayaba, appositamente realizzato dagli specialisti di sospensioni giapponesi per le enduro Toscane. Può contare sui migliori materiali e sui più moderni studi portati avanti insieme agli ingegneri Beta, un importante step evolutivo sul fronte ciclistico della moto.

Completano il quadro una nuova grafica Racing, che esalta la sinuosa forma dei nuovi convogliatori introdotti su RR pochi mesi fa, e alcune diverse componenti, come i paramani. Il DNA da competizione della versione più sportiva della gamma Enduro Beta emerge nelle RR Racing M2023 da una molteplicità di aspetti. Troviamo infatti una componentistica racing, com il perno ruota anteriore ad estrazione rapida, i paramani rinforzati, i pneumatici Metzeler, le pedane poggiapiedi in ergal, la corona con anima in alluminio anodizzato e dentatura in acciaio by ZFSrockets, la sella racing dedicata blu, la leva cambio e pedale freno posteriore anodizzati neri ed il tappo olio cambio, tappo olio motore e tappo filtro olio in alluminio anodizzato rosso. Non manca il tendicatena in ergal, di colore rosso.

A livelllo di cilictica, abbiamo la forcella Kayaba AOS a cartuccia chiusa da 48 mm. La presenza delle parti interne anodizzatee i nuovi trattamenti ricevuti dai materiali fanno sì che l’attrito di scorrimento sia ridotto al minimo, mentre le consuete regolazioni della compressione e del ritorno consentono di trovare sempre la personalizzazione ottimale del setting. La taratura è stata rivista dai tecnici Betamotor per far sì che la forcella possa lavorare al meglio, in sinergia con il nuovo monoammortizzatore.

Controllo di trazione

Nella logica di rendere i propri modelli, in special modo quelli di più elevata cubatura (Gamma 4T), sempre ben gestibili dal pilota in ogni situazione, in abbinamento alla gestione elettronica delle mappe motore, si conferma sulle RR Racing l’adozione del controllo di trazione. L’inserimento del Traction Control, disinseribile in qualsiasi momento, avviene per mezzo del consueto pulsante collocato nella tra il cannotto di sterzo ed il serbatoio del carburante. Ospitando contemporaneamente TC e gestionemappe motore, il dispositivo di controllo accoglie due pulsanti, e due separati indicatori led per i due sistemi. Oltre a queste componenti, che equipaggiano tutta la gamma, ci sono alcuni aspetti specifici per i modelli 2 tempi Racing che meritano di essere evidenziati. 

Parliamo dell'Oil mix. Si afferma anche per le RR Racing 2T MY 2023, la scelta di Beta di rinunciare al miscelatore automatico per mantenere le sue moto Racing un riferimento in termini di leggerezza e, quindi, maneggevolezza. Le RR Racing 2T necessitano quindidi un pre-mix olio/benzina, caratteristica questa che contribuisce ad accentuare l’indole racing di questa versione. L’oil mix può comunque essere installato successivamente, come accessorio after-market dal catalogo Factory Parts Beta.

Vediamo ora il motore-RR Racing 2T 300 e 200. Con il precedente model year Beta ha introdotto alcune modifiche al gruppo termico per esaltare le performance dei modelli RR Racing 2T 300 e 200 che vengono confermati anche per i MY 2023. I propulsori 300cc e 200cc Racing si distinguono quindi dai modelli base per le seguenticaratteristiche. RR 300 2T: il blocco motore del 300cc, monta un cilindro modificato nei diagrammi di scarico e travaso e una diversa testa, abbinata ad una diversa regolazione della valvola di scarico, rispetto ai modelli RR. La testa cilindro, che varia rispetto alla standard sia per allineamento ai diagrammi, sia nella forma ricreata in camera di combustione, assicura un aumento del rapporto di compressione e una prestazione decisamente più performante. Per gestire al meglio tale maggior potenza, anche la valvola di scarico viene modificata nella sua molla interna e nel sistema di regolazione, in modo da ricreare un’erogazione sempre corposa e ben sfruttabile. Completa il quadro un diverso anticipo di accensione. RR 200 2T: anche il motore 200cc mantiene una testa cilindro diversa rispetto alla versione standard e, insieme a questa, una singola molla più sostenuta della valvola di scarico, al postodelle due utilizzate per RR. Tutto questo allo scopo di avere una maggior potenza ai regimi medio-alti. Le moto sono già ordinabili.

Articoli che potrebbero interessarti