Tu sei qui

MotoGP, Morbidelli: "Per Quartararo è una situazione difficile"

"Tutti sappiamo che è costretto a lottare ogni volta con un nutrito gruppo di Ducati che tendono ad aiutare Bagnaia, a cui si aggiungono i punti deboli della nostra moto" Sulla gara: "La pressione della gomma anteriore è schizzata alle stelle e la sua prestazione è inevitabilmente calata"

MotoGP: Morbidelli: "Per Quartararo è una situazione difficile"

Share


Nella domenica da incubo del capo-classifica di campionato Fabio Quartararo, all’opposto la pioggia del Chang International Circuit di Buriram ha fatto in parte risorgere il compagno di squadra Franco Morbidelli. Incisivo come poche altre volte nel corso di questa stagione, il secondo pilota ufficiale Yamaha è stato autore di una solida prestazione. Per lunghi tratti della gara ai margini della top-10, Morbidelli ha poi tagliato il traguardo al dodicesimo posto (ovvero come primo delle Yamaha), diventato tredicesimo per la penalizzazione di tre secondi inflitta causa track limits.

“Sul bagnato non è mai semplice destreggiarsi quando nei primi giri ti ritrovi a centro gruppo, per fortuna la situazione è migliorata col prosieguo dei passaggi e sono riuscito ad impostare un buon ritmo - ha ammesso Morbidelli - purtroppo, però, durante la gara la pressione della gomma anteriore è schizzata alle stelle, la sua prestazione è inevitabilmente calata e questo mi ha complicato la vita nel momento in cui cercavo di attaccare. Peccato perché non eravamo troppo distanti dai piloti in lotta per la sesta-settima posizione”.

Non sei l’unico ad aver lamentato problemi di surriscaldamento…
“Negli ultimi anni il livello della MotoGP si è alzato tantissimo, siamo tutti ravvicinati in termini di distacchi e i tempi sul giro sono migliori, anche sul bagnato. Questo significa mettere maggiormente sotto stress gli pneumatici in frenata. Sono sicuro che Michelin stia lavorando sodo per cercare di risolvere questo problema”.

Come giudichi la nuova classifica di campionato?
Per Quartararo è una situazione difficile perché tutti sappiamo è costretto a lottare ogni volta con un nutrito gruppo di Ducati che tendono ad aiutare Bagnaia, a cui si aggiungono i punti deboli della nostra moto”.

Articoli che potrebbero interessarti