Tu sei qui

MotoGP, Bastianini: “Nei primi 10 giri non vedevo niente e avevo paura”

“Staccavo ad occhio, non avevo fiducia per la scarsa visibilità, infatti ho faticato a spingere. Purtroppo ho avuto una mappa sgonfia al via e questo mi ha condizionato. Il Mondiale? Siamo in cinque e sarà divertente”

MotoGP: Bastianini: “Nei primi 10 giri non vedevo niente e avevo paura”

Share


Sul bagnato di Buriram Enea Bastianini è riuscito a limitare i danni, archiviando la gara in sesta posizione. Il portacolori Gresini è infatti emerso sulla lunga distanza, colmando le difficoltà emerse nella prima parte.

Un risultato che da una parte lo soddisfa, mentre dell’altra c’è il rammarico, perché qualcosa di più si poteva certamente ottenere in questa domenica.  

“Sono abbastanza contento – ha commentato - peccato all’inizio, dato che avevo una mappa sgonfia e non sono riuscito ad accelerare in curva 1. Dal secondo giro sono però riuscito a cambiarla, mantenendo la posizione. Il problema è che nei primi 7-8 giri non vedevo niente e avevo paura. Andavo alla cieca, staccavo a sentimento”.

La sua gara è stata quindi segnata al via.
“Non so se fossi stato in grado o meno di tenere il ritmo dei piloti di vertice,certamente avrei accusato meno distacco. Oggi ho comunque avuto la conferma di poter fare ben sul bagnato. Come ho detto all’inizio non avevo fiducia per la scarsa visibilità, infatti ho faticato a spingere. Fossi partito più avanti sarebbe stato un bene, ma il bilancio è positivo”.

Il grande assente è stato Quartararo.
“Ero curioso di vedere Fabio in azione, dato che sarebbe stato utile capire i suoi punti forti e deboli, soprattutto in ottica fortuna con Ducati. Peccato, perché con l’asciutto potevo essere competitivo”.

Infine una battuta sul Mondiale.

“Siamo tutti attaccati, però diventa divertente la lotta”.

Articoli che potrebbero interessarti