Tu sei qui

Moto2, Pazza Buriram: Arbolino trionfa sotto la pioggia prima della bandiera rossa

La gara si è conclusa in anticipo a causa delle avverse condizioni meteo: 2° Salac davanti a Canet, 6° Ogura, 7° Fernandez, 10° Vietti, 16° Acosta, caduto Chantra

Moto2: Pazza Buriram: Arbolino trionfa sotto la pioggia prima della bandiera rossa

Share


Pazza Buriram! Verrebbe proprio da dire così. La pioggia a lungo attesa è arrivata poco prima del via di Gara 2, tanto da rinviare la partenza di alcuni minuti e ridurre il numero dei giri da compiere a 16. Ne è uscito un Gran Premio tra colpi di scena ed emozioni con l’acqua che non ha mai smesso di scendere, aumentando tra l’altro di intensità.

In condizioni tutt’altro che semplici, Tony Arbolino si è rivelato un vero e proprio anfibio. Il pilota lombardo è emerso sulla lunga distanza, sfruttando poi un errore di Salac per prendere in mano la leadership della corsa. Nel momento in cui era al comando e mancavano otto giri alla conclusione, la direzione gara ha deciso di esporre la bandiera rossa perché le condizioni iniziavano a diventare sempre più rischiose.

Una volta tornati ai box, la direzione gara ha atteso e sperato in un miglioramento delle condizioni per provare una ripartenza di soli cinque giri. Purtroppo però il meteo non è migliorato e la gara si è conclusa in anticipo, assegnando il successo a Tony Arbolino davanti a Salac e Aron Canet. Il regolamento prevede tra l’altro che il punteggio assegnato a ogni piloti sia dimezzato: pertanto non 25 punti al vincitore, ma 12,5.

Chi resta invece giù dal podio è Jake Dixon, quarto seguito da Alonso Lopez, mentre quinto è Ai Ogura davanti ad Augusto Fernandez. I due contendenti per il titolo sono rimasti giù dal podio in questa occasione, marcandosi stretti nella sfida per il titolo.

Nei primi dieci anche Celestino Vietti, il quale ha faticato non poco in condizioni da bagnato. Soltanto 16° il rookie della categoria Pedro Acosta, mentre oltre la top 20 Zaccone, Antonelli e Corsi. Costretto ad alzare bandiera bianca Dalla Porta, mentre sono caduti nelle prime battute di gara Beaubier ed Aldeguer. Alla lista di coloro che sono finiti a terra anche l’idolo locale Somkiat Chantra. Il pilota thailandese, che partiva dalla pole, è stato vittima di un highside alla curva quattro.  

  

Articoli che potrebbero interessarti