Tu sei qui

MotoGP, Crutchlow: "Ho dolore alla caviglia ma gli esami hanno escluso fratture"

"Ero troppo piegato, succede quando spingi su una MotoGP. Ho lesioni su tutto il corpo, dovrò aspettare per capire le mie condizioni ed è un peccato perché sono competitivo"

MotoGP: Crutchlow: "Ho dolore alla caviglia ma gli esami hanno escluso fratture"

Share


Per Cal Crutchlow sembrava una bella giornata: fuori di un soffio dalla Top10 nel turno della mattina e una buona velocità in quello del pomeriggio. Fino al momento in cui ha montato la gomma morbida nuova per l’attacco al tempo, in quel giro veloce la sua Yamaha lo ha disarcionato e il britannico è caduto violentemente sull’asfalto.

"Ovviamente oggi non è stata una giornata ideale, si è conclusa con una radiografia alla caviglia destra che mi ero rotto malamente qualche anno fa - il racconto del pilota del team WithU - Al momento ho un forte dolore ma la radiografia è risultata negativa, può anche trattarsi solamente di gonfiore anche se sembra in punto diverso da quello della prima fattura. Devo cercare di riposare, mettere del ghiaccio sulla caviglia e vedere come va".

Un vero peccato per Cal, che a Buriram sembrava potere essere competitivo.

"Oggi mi sentivo molto bene sulla moto nelle FP1 quando stavo spingendo - ha spiegato - Ho commesso un solo errore nel giro che mi avrebbe permesso di entrare nella top 10. Oggi pomeriggio ho cercato il tempo, stavo spingendo perché mi sentivo bene con la moto, ma purtroppo avevo un angolo di piega troppo elevato, è quello che succede quando si guida una MotoGP e si spinge. Onestamente, mi sentivo bene e sento che il mio ritmo è davvero buono e sarei in grado di lottare in questo fine settimana per una buona posizione. Il problema è che ora dobbiamo vedere l'entità degli infortuni, perché ho alcune lesioni ai gomiti, alla schiena e alla maggior parte del corpo, ma vedremo. Nel complesso, la squadra ha fatto un buon lavoro e sono contento di come stanno andando le cose. È stato un peccato cadere alla fine della sessione, ma vedremo cosa succederà domani”.

Articoli che potrebbero interessarti