Tu sei qui

MotoGP, Quartararo: "Dobbiamo lavorare sodo, il mio potenziale non è fare 8°"

"Buriram si adatta bene a me e anche alla Yamaha". Anche Morbidelli punta sul GP di Thailandia per migliorare: "voglio entrare in Q2, è importante per la gara"

MotoGP: Quartararo: "Dobbiamo lavorare sodo, il mio potenziale non è fare 8°"

Share


Fabio Quartararo sa di essere stato fortunato in Giappone. L’8° posto a Motegi poteva essere disastroso per la sua classifica e invece gli avversari hanno fatto peggio: Bagnaia è caduto e Espargarò è stato messo fuori gioco da un errore al box. Così, domenica sera a Motegi ha potuto concedersi una boccata di aria fresca, vedevo il suo vantaggio su Pecco aumentare fino a 18 punti e a 25 quello su Aleix.

Però non basta e l’appuntamento di Buriram, in Thailandia, sarà ancora una volta fondamentale. Sulla carta è un tracciato che ben si addice al francese e alla Yamaha: nel 2018 Fabio, nella stagione di debutto in MotoGP, fu 5° e l’anno successivo sul podio grazie a un 2° posto.

Lasciare Motegi con un vantaggio più ampio in campionato è positivo, ma dobbiamo lavorare sodo questo fine settimana perché il nostro potenziale è migliore dell'ottavo posto - sottolinea Quartararo - Sono felice che il prossimo appuntamento sia sul circuito di Buriram, perché è un buona pista per me e anche per la Yamaha. L'ultima volta che abbiamo corso qui nel 2019 sono arrivato secondo. Sicuramente darò il 100% per salire sul podio anche questa volta”.

Per il suo compagno di squadra Morbidelli, l’appuntamento thailandese sarà un’altra occasione per migliorarsi. Nelle ultime gare sono stati fatti dei passi avanti, ma Franco non è riuscito a concretizzarli in gara, anche per le sue difficoltà nel giro secco.

“Ora siamo in Thailandia e ci proveremo ancora - assicura - Voglio entrare in Q2, è importante per l'esito del weekend di gara. Buriram è un circuito che mi piace e si adatta al mio stile di guida, quindi sarà un buon circuito per me per provarci di nuovo”.

Articoli che potrebbero interessarti