Tu sei qui

UFFICIALE Petrucci a Buriram con Suzuki: dalla MotoGP alla Superbike e ritorno

"Sono entusiasta di essere uno dei pochi piloti nella storia a saltare da una MotoGP a una Dakar, a una Superbike e poi a un'altra MotoGP ufficiale!".

MotoGP: UFFICIALE Petrucci a Buriram con Suzuki: dalla MotoGP alla Superbike e ritorno

Share


Mentre Mir continua a lottare con l'infortunio alla caviglia destra subito nel GP d'Austria ad agosto, che include una frattura dell'osso talo e danni ai legamenti, un'altra risonanza magnetica lo costringe a saltare un'altra gara della MotoGP.

Dopo le sostituzioni di Kazuki Watanabe e Takuya Tsuda, rispettivamente nel GP di San Marino e in quello del Giappone, il prossimo pilota a salire a bordo della GSX-RR sarà l'uomo di punta del motorsport Petrucci. Il pilota affettuosamente noto come Petrux è salito 10 volte sul podio della MotoGP, comprese due vittorie. Dopo aver lasciato la MotoGP alla fine del 2021, ha partecipato direttamente al leggendario Rally Dakar. Ha conquistato una vittoria di tappa nella famigerata gara nel deserto, uno dei pochi esordienti a riuscirci e il primo ex vincitore di un GP a compiere questa impresa. Nella stagione 2022 ha corso nella serie MotoAmerica, ottenendo cinque vittorie e mancando di poco la corona del campionato nel finale di stagione dello scorso fine settimana. Ora è pronto a salire sulla Suzuki in MotoGP per un'altra occasione nella classe regina.

Rins ha ottenuto un quinto posto nell'ultima visita della MotoGP in Tailandia nel 2019 e lo spagnolo è pronto a ripartire dopo un GP del Giappone competitivo ma alla fine deludente la scorsa settimana.

"Non c'è bisogno di dire che sono molto felice per la possibilità di correre in Thailandia con il Team Suzuki Ecstar - ha detto Petrux, reduce dall'ultima sfida in Alabama con Jake Gagne nel MotoAmerica - Voglio ringraziare il Team per avermi dato questa fantastica opportunità. Voglio anche ringraziare la Ducati e il mio attuale team management per avermi permesso di partecipare a questa gara. Sono davvero curioso di salire sulla GSX-RR e provarla, sembra molto veloce e sappiamo che è una moto vincente. Sono anche ansioso di lavorare con il team Suzuki, che conosco da molto tempo e con cui ho un ottimo rapporto. So che non sarà facile, quindi non mi aspetto nulla da questa esperienza, voglio solo godermela. Sono anche entusiasta di essere uno dei pochi piloti nella storia a saltare da una MotoGP a una Dakar, a una Superbike e poi a un'altra MotoGP ufficiale!".

"Purtroppo dopo una nuova risonanza magnetica, i medici hanno confermato che la situazione di Joan sta migliorando ma non abbastanza da permettergli di correre in Thailandia - ha aggiunto il team manager Livio Suppo. che aveva già provato a far correre Petrucci nel GP di Misano - Pertanto, continuerà la sua riabilitazione per essere in forma per Phillip Island. A Buriram questo fine settimana sarà sostituito da Danilo Petrucci. Vorremmo ringraziare la Ducati per aver permesso a Danilo di cogliere questa opportunità. Sappiamo che Danilo è un "fiore all'occhiello" per loro e lo apprezziamo molto: questo dimostra che la passione e la comprensione sono più importanti di qualsiasi altra cosa nel nostro sport. Diamo quindi il benvenuto a Danilo nella nostra squadra, faremo del nostro meglio per rendere questo weekend indimenticabile per lui!".

Le ultime parole sono di Alex Rins, l'unico titolare a gareggiare nel quart'ultimo GP per la Suzuki: "È davvero bello tornare a Buriram, anche perché qui i tifosi sono incredibilmente appassionati di motociclismo e l'atmosfera è sempre molto eccitante. Come tutti sanno, Motegi non è stata una gara positiva per noi, ma ho ricevuto un grande incoraggiamento dai tifosi giapponesi e voglio portare questo sostegno nelle altre gare".

 

Articoli che potrebbero interessarti