Tu sei qui

MotoGP, Bastianini: "peccato la scivolata, parto dietro Bagnaia, proverò ad agganciarmi"

"Sarà importante il warm up, dobbiamo mettere a posto la Ducati in frenata che qui è importantissima per i sorpassi. Il problema qui a Motegi è che scivola dietro e la moto inizia a pompare"

MotoGP: Bastianini: "peccato la scivolata, parto dietro Bagnaia, proverò ad agganciarmi"

Share


Non era andato male Enea Bastianini, al mattino, nelle FP2 bagnate: 7° tempo, con Marquez in testa alla lista dei tempi. Una prestazione, quella di Enea con gomme da pioggia, che comunque faceva ben sperare per il pomeriggio ma, dopo una lunghissima interruzione dovuta alla pista allagata, le qualifiche sono iniziate con più di un’ora di ritardo con la ‘Bestia’ costretto a passare dalla Q1, avendo fatto solo il 14esimo tempo nella FP1 del venerdì.

Una qualifica interrotta sfortunatamente da una caduta a due minuti dalla fine mentre il pilota del team Gresini inseguiva il passaggio in Q2 alle spalle di Zarco e Martin.

“E’ stata una giornata allucinante, al mattino ero andato bene, anche sul bagnato - ricorda Bastianini- Ero contento e fiducioso per il pomeriggio, mentre invece alla fine della Q1 sono caduto e non sono riuscito ad entrare in Q2. Ci avrei provato, invece sono incappato in una scivolata alla curva 5”.

Non è stato eccesso di foga.
“Ero arrivato lungo alla 1 e mi sono detto, aspetto l’ultimo giro, come al solito. Non ho fatto nulla di anomalo alla 5, lo abbiamo visto nella telemetria, ma si sa che sul bagnato si è appesi ad un filo”.

Il risultato è che Enea scatterà addirittura dalla 5a fila in 15esima posizione, al fianco di Bezzecchi e Morbidelli.
“Domani penso che potrò venire su - il commento di Enea - la cosa buona è che i piloti più veloci sull’asciutto partono indietro, Bagnaia parte proprio davanti a me in  quarta fila e Quartararo è in terza col 9° tempo…proverò ad agganciarmi”.

C’è tempo per alcune considerazioni e rimpianti.
“E’ un peccato perché avevo la giusta confidenza sul bagnato - prosegue il ducatista - Probabilmente sono pronto per la gara ma sarà importante provare nel warmup con l’asciutto: dobbiamo preparare la moto per le frenate per essere in grado di attaccare e chiudere il gap con gli avversari. Certo sarà dura: partire 15°, è anche pericoloso al via, proverò a fare del mio meglio”.

Da così lontano Bastianini sarà anche costretto a spingere nei primi giri aumentando il consumo delle gomme che poi potrebbero non assisterlo nel finale.
“Penso di avere scelto, ma aspettiamo domani per decidere. Il problema su questo pista è che il posteriore inizia a scivolare e poi la moto inizia a pompare, e alla fine della gara questo sarebbe un problema. Rispetto ad Aragon è peggio perché lì la moto scivolava e basta. La durata delle gomme dipenderà dalla mia partenza e dalla situazione. Spero di arrivare davanti il prima possibile, ma il target per domani è la top 10 o la top 8”.

 

Articoli che potrebbero interessarti