Tu sei qui

MotoGP, Bagnaia: "Non so cosa sia successo in qualifica, domani punto a vincere"

Pecco partirà 12°: "risultato inaccettabile, qualcosa sul bagnato non ha funzionato. Il mio obiettivo non è semplicemente stare davanti a Fabio, andrò all'attacco"

MotoGP: Bagnaia: "Non so cosa sia successo in qualifica, domani punto a vincere"

Share


La pioggia di Motegi è stata la più classica delle docce fredde per Bagnaia. Se ieri sull’asciutto era stato secondo solo a Miller, oggi sul bagnato è stato il più lento in Q2 e domani scatterà da metà schieramento. Un 12° posto che ha solamente come consolazione il fatto che Quartararo abbia fatto poco meglio, chiudendo il francese la terza fila.

Sinceramente non ho ancora controllato i dati, ma penso che qualcosa non abbia funzionato - ha spiegato Pecco molto deluso - Lo scorso anno ero sempre stato competitivo sul bagnato e in questa stagione no, fatico sempre. L’unica gara sul bagnato è stata in Indonesia e l’ho finita 15°, poi in tutti i turni sotto la pioggia ho faticato. In questo momento, con questa moto non sono al meglio sul bagnato. Sono sicuro che sia successo qualcosa, non è possibile prendere due secondi e sono stato più lento di questa mattina con condizioni migliori della pista. Questo risultato non è accettabile e voglio scoprire cosa sia accaduto”.

I problemi - almeno quelli sono chiari.

Non avevo fiducia sulla moto ed era difficile capire il limite. Non so se fosse colpa mia, ma di solito vado bene sul bagnato. L’unica cosa positiva era già essere in Q2 perché ho fatto l’ultimo tempo” ha sopirato.

In passato l’acqua non era stato una nemica.

In Moto2 non avevo fatto molte gare sul bagnato, ma proprio qui a Motegi ero arrivato 4° partendo da dietro - ha ricordato - L’anno scorso a Valencia sul bagnato ero fra i primi tre nelle libere sul bagnato, anche a Misano ero stato competitivo. In questa stagione, invece, sto faticando, anche se è vero che oggi abbiamo fatto un solo turno sul bagnato ed è difficile fare dei cambiamenti in qualifica. Penso sia stata sfortuna, ma non ho perso la mia determinazione di migliorare domani se pioverà. Cercherò di stare davanti perché so che il mio livello è più alto di questo”.

Quale sarà il piano per domani?

Spingerò - ha sorriso - Cercherò di stare davanti, nelle ultime gare sono sempre partito bene, e qui sarà importante gestire le gomme e superare il maggior numero di piloti nei primi giri. Non posso pensare di non attaccare”.

Bagnaia non vuole accontentarsi di stare semplicemente davanti a Quartararo.

Il mio obiettivo è vincere - ha chiarito - La cosa più importante è recuperare altri punti, ma non voglio stare semplicemente davanti a Fabio. Penso che il mio passo sull’asciutto sia costante, vedendo quello che ho fatto ieri. A Portimao ero partito 22° e avevo finito la gara 8°, ci posso riuscire”.

Bisognerà stare attenti, soprattutto alla prima curva.

“Partire 12° non è la migliore cosa, bisogna capire se è meglio stare all’interno o all’esterno, certamente cercherò di evitare errori - il piano - Sull’asciutto la moto è a posto, per la prima volta quest’anno abbiamo abbiamo finito le FP1 bene. Normalmente ci serve più tempo, ma ieri nelle ultime due uscite avevo le soluzioni che volevo”.

Articoli che potrebbero interessarti