Tu sei qui

SBK, Razgatlioglu: "La pista non si addice a Yamaha, ma sono forte sul passo"

"Oggi abbiamo cercato di trovare un buon compromesso di set up in ottica gara. Rispetto allo scorso anno l'asfalto ha meno grip. Nei giorni scorsi sono scivolato in allenamento da Kenan Sofuoglu, non provo però dolore a guidare la moto"

SBK: Razgatlioglu: "La pista non si addice a Yamaha, ma sono forte sul passo"

Share


Alvaro Bautista e la Ducati fanno la voce grossa nella giornata inaugurale di prove libere del Mondiale Superbike al Circuit de Barcelona-Catalunya, mentre Toprak Razgatlioglu e la Yamaha sono costretti a inseguire. Il Campione in carica ha chiuso il venerdì (insolitamente) al sesto posto, staccato di tre decimi dal capo-classifica di campionato, compiendo stint molto corti. Il potenziale è quindi indecifrabile, anche se è logico ipotizzare che al momento opportuno ci sarà anche lui...

"Come saprete bene, non è un tracciato che si addice alle caratteristiche della nostra moto, a differenza della Ducati - ha esordito Razgatlioglu - oggi abbiamo cercato di trovare un buon compromesso di set up in ottica gara, però non sappiamo come evolveranno le condizioni meteorologiche. Domani potrebbe piovere, mentre domenica dovrebbe tornare il sereno. Sebbene nelle varie uscite non abbia compiuto più di otto giri, mi sento forte sul passo".

Hai lavorato sulla vita degli pneumatici Pirelli?
"Questa mattina ho provato la SCO. Non è male, ma dopo alcuni passaggi inizia a scivolare un po' troppo - ha ammesso - rispetto allo scorso anno l'asfalto ha meno grip e per questo motivo penso che sull'asciutto opteremo tutti per la specifica SCX. In gara sarà fondamentale gestire le gomme per il finale, altrimenti c'è il rischio che calino di prestazione come accaduto a me nel 2021 in Gara 2"

Hai una strategia particolare per questo fine settimana?
"No, specialmente nel caso in cui domani dovesse piovere. Mi ricordo che nel 2021 siamo andati forte sul bagnato. Parliamo però del passato, questo 2022 è tutt'altra storia. Asciutto o bagnato che sia, la qualifica giocherà un ruolo cruciale".

Razgatliogliu è giunto in sala stampa con un vistoso bendaggio all'avambraccio. Il cosiddetto kinesio taping, utile per alleviare dolori muscolari e edemi sottocutanei. Ecco spiegato il motivo.

"Sono scivolato in allenamento sulla pista di Kenan Sofuoglu. Non accuso dolore comunque quando guido la mia R1, mi sento bene e sono tranquillo", ha concluso.

Articoli che potrebbero interessarti