Tu sei qui

SBK, Cancellata Gara 2 del CIV Supersport al Mugello, paura per Pusceddu

Un incidente multiplo in avvio e la presenza dell’olio sull’asfalto hanno indotto la direzione gara a cancellare la seconda corsa del CIV Supersport. Matteo Vannucci e Vicente Perez Selfa dominano rispettivamente in Supersport 300 e Moto3, Cesare Tiezzi allunga in PreMoto3

SBK: Cancellata Gara 2 del CIV Supersport al Mugello, paura per Pusceddu

Share


Oltre alle vittorie a sorpresa di Randy Krummenacher e Alessandro Delbianco in Superbike, grandi emozioni e persino attimi di paura nelle restanti categorie del Campionato Italiano Velocità nel penultimo appuntamento del 2022 all’Autodromo Internazionale del Mugello, con tutti i titoli ancora in palio in previsioni della finalissima in quel di Imola del 8-9 ottobre prossimi. Di seguito il resoconto.

Supersport, Gara 2 cancellata e attimi di paura per Pusceddu

Gara 1: Coinvolgente testa a testa nella prima manche, su asfalto in progressivo miglioramento complice la pioggia caduta il sabato mattina. Nicholas Spinelli e il poleman Matteo Ferrari (Toccio Racing) si sono giocati la vittoria in volata nella classifica Next Generation. Ad ottenere il successo per soli otto millesimi è stato il pilota del Barni Spark Racing Team, il primo per lui e la Panigale V2 955 al CIV. Seppur distante addirittura 26 secondi (!!) dai primi due, sul terzo gradino del podio è salito il rientrante Lorenzo Gabellini (Cecchini Racing Team), operaio in settimana e pilota nei week-end, a completare così una top-3 tutta marchiata Ducati. Quarta posizione per Massimo Roccoli, a ulteriori dieci secondi da Gabellini, seguito da Matteo Patacca, dalla wild card Hikari Okubo (proveniente dalla Coppa del Mondo MotoE) e Roberto Mercandelli. Nella 600CIV vittoria per Emanuele Pusceddu (J. Angel Racing Team), davanti a Marco Bussolotti (Axon-Seven Team) e Kevin Zannoni (Team Rosso e Nero).

Gara 2: Dopo un incidente multiplo in avvio in cui sono rimasti coinvolti Hikari Okubo ed Emanuele Pusceddu (pilota trasportato per accertamenti all’ospedale tramite elisoccorso, si parla di trauma cranico e frattura di una spalla), alla successiva ripartenza la caduta in rapida successione di Matteo Ferrari, Nicholas Spinelli e Massimo Roccoli ha comportato l'esposizione di un'ulteriore bandiera rossa per la presenza di olio alla curva San Donato. Scoccate addirittura le ore 19, inevitabilmente la scarsa visibilità ha indotto la direzione gara a cancellare Gara 2. Grazie alla vittoria del sabato, Spinelli comanda la generale Next Generation con 1 punto di margine su Roccoli. Titolo 600 CIV ad un passo per Bussolotti, con +45 punti su Zannoni.

Emanuele Pusceddu in azione sulla Yamaha R6 di J.Angel Racing Team

Moto3, dominio di Perez Selfa

Gara 1: Debutto vincente per Vicente Perez Selfa sulla BeOn di We Race-SM Pos Corse. Ingaggiato recentemente dalla struttura di Giuseppe Oliveri, il pilota spagnolo ha colto il primo successo stagionale con oltre cinque secondi di vantaggio sugli inseguitori. Dietro di lui, bagarre a tre per le restanti posizioni di vertice, con l’alfiere Pata Talento Azzurro FMI Cesare Tiezzi (AC Racing Team) secondo dopo aver regolato in volata il Campione CIV PreMoto3 2021 Alberto Ferrandez Beneite (GP Project 2 WP Factory Racing), terzo, e Biagio Miceli. Quinto Daniel Da Lio, ma staccato di ben otto secondi dalla zona podio, con Matteo Morri sesto.

Gara 2: Assente Nicola Fabio Carraro (impegnato nel Mondiale di categoria ad Aragon), Vicente Perez Selfa ha regalato un week-end denso di soddisfazioni al We Race-SM Pos Corse, condito da pole position e doppietta. Lo spagnolo ha letteralmente dominato anche la seconda gara, come testimoniato dall’ampio margine al traguardo, di oltre 11 secondi, su Alberto Ferrandez Beneite. Con la wild card Guido Pini su Bucci Moto Factory fuori classifica, il podio ufficiale è stato completato da Daniel Munoz su Phantom, per una insolita tripletta tutta iberica. Soltanto sesto al traguardo, Cesare Tiezzi ne ha approfittato per scavalcare Carraro in vetta alla classifica generale.

Supersport 300, il ritorno di Vannucci

Gara 1: Matteo Vannucci torna al CIV e vince. Dopo aver saltato il precedente round di Misano per la concomitanza con il Mondiale di categoria a Most, il portacolori AG Motorsport Yamaha Italia ha imposto di nuovo la sua legge nella prima manche in una intestina bagarre-a-cinque per la vittoria senza esclusione di colpi, in cui ha regolato per una manciata di decimi lo spagnolo Oscar Roldan Nunez (TMF Guerreri Racing Team) e Leonardo Carnevali (Box Pedercini Corse). Quarta posizione per Alfonso Coppola, appena davanti al giovane Emiliano Ercolani, Dorren Loureiro e Nikolas Marfurt.

Gara 2: Week-end di casa da incorniciare per Matteo Vannucci. Scappato in fuga solitaria nel giro di poche curve, nella gara domenicale il campione in carica si è aggiudicato la quinta vittoria stagionale, riconquistando al contempo il primato in campionato (ma perderà la finale di Imola per le note concomitanze). Lo lotta per il podio, formata da 14 piloti, ha premiato Nikolas Marfurt (Team Racestar) e Davide Conte (Gradara Corse), al primo podio in carriera. Entrambi sono stati favoriti dal secondo di penalità inflitto dalla direzione gara a Mattia Martella (2° sul traguardo, poi 10°) per track limit. Miglior risultato stagionale per Emiliano Ercolani, in quarta posizione, mentre l’ex leader Leonardo Carnevali (6°) insegue adesso Vannucci a -9 punti.

PreMoto3, Zanni allunga in campionato

Gara 1: Sei piloti racchiusi in quattro decimi nella prima gara del sabato, dove a conquistare la vittoria per la quarta volta in stagione è stato Leonardo Zanni (AC Racing Team), davanti per soli 11 millesimi a Brian Diego Uriarte (BeOn) e per poco più di un decimo a Lorenzo Cavalletto (We Race-SM Pos Corse), al secondo podio del 2022. Vicinissimi a loro hanno chiuso nell’ordine: Edoardo Liguori (Pasini Racing Team), Giulio Pugliese (AC Racing Team) e il sudafricano Kgopotso Mononyane (M&M Technical Team).

Gara 2: Rivincita personale di Brian Diego Uriarte nella gara domenicale, in cui lo spagnolo ha beffato per 11 millesimi proprio Leonardi Zanni in una volata al “contrario” rispetto a Gara 1. A completare il podio è stato Gabriel Tesini (AC Racing Team), a precedere Lorenzo Cavalletto ed Edoardo Liguori. Alla luce di questi risultati, nella classifica generale Zanni allunga a +40 punti sul compagno di squadra Giulio Pugliesi (6° in Gara 2).

Photo credit: Salvatore Annarumma

Articoli che potrebbero interessarti