Tu sei qui

MotoGP, A. Espargarò: “Ho distrutto l'Aprilia, ma so di essere veloce”

“Il mio problema qua ad Aragon non è la velocità, ma la ricerca del limite. L’asfalto mi ricorda quello di Brno, bisogna fare molta attenzione”

MotoGP: A. Espargarò: “Ho distrutto l'Aprilia, ma so di essere veloce”

Share


Aleix Espargarò ha mandato in archivio la giornata del venerdì’ con due cadute e un tredicesimo posto al pomeriggio a mezzo secondo dalla vetta. Il bicchiere è però mezzo pieno per il portacolori Aprilia, in particolare per le sensazioni riscontrate in sella alla RS-GP su un tracciato non proprio facile.

Da parte sua c’è quindi consapevolezza di poter puntare a un risultato di spessore dopo le difficoltà di Austria e Misano

"È stato un venerdì positivo – ha detto – purtroppo ho commesso due errori, il primo abbastanza grosso, dato che ero fuori dalla traiettoria. Il secondo sono caduto in un punto lento e non avevo più gomme a disposizione per tornare in pista a fare il tempo. Sono però riuscito a essere veloce con le gomme da gara, trovando un bel passo”.

Aleix fa quindi il punto della situazione.
“Sto cercando di essere veloce e competitivo. L’importante è finire la gara di domenica nelle posizioni di vertice, senza focalizzarsi più di tanto sulle cadute, dato che anche a Misano sono caduto nei test. Fortunatamente non mi sono fatto nulla, anche se la RS-GP è distrutta (sorride)”.

L’attenzione si sposta poi sul grip della pista.
“Questo grip mi ricorda Brno, dato che è davvero basso. Fortunatamente però c’è il sole, ma bisogna fare molta attenzione. L’asfalto è del 2009 e dopo sei anni solitamente tende a diventare vecchio”.

A tal proposito Aleix ha svelato un retroscena
“Ho parlato molto con gli ingegneri Michelin a riguardo, perché è una cosa strana. Quando c’è molto grip, tipo Misano, pensi di distruggere velocemente le gomme, invece è andata in maniera completamente diversa rispetto alle aspettative iniziali. Dovremo quindi gestire al meglio la prima parte di gara per domenica”.

Intanto Vinales continua a stupire in sella alla RS-GP.
"Sono veloce anch’io. Al momento non è un problema di velocità, dato che devo capire meglio quale sia il limite. Qua ad Aragon so di essere veloce. A Misano e in Austria ho sofferto, ma ero consapevole delle difficoltà dei due tracciati. Adesso le piste sono più favorevoli a noi”.

Infine sguardo al futuro.
“La frenata è uno degli aspetti su cui dovremo focalizzarci  per quanto riguarda l’Aprilia 2023. La dovremo migliorare”.

Articoli che potrebbero interessarti