Tu sei qui

MotoGP, Nakagami: "Honda ha scelto me perché conosco questa moto, come Marquez"

"Il piano era portare Ogura, ma poi Marc avrebbe avuto tre compagni che non conoscono affatto la Honda. Potrebbe essere la mia ultima stagione, ma almeno ho una chance. Ho chiesto di usare già qui i pezzi nuovi provati a Misano nei test"

MotoGP: Nakagami: "Honda ha scelto me perché conosco questa moto, come Marquez"

Share


Erano in tanti a darlo per spacciato in vista del 2023, ma Taka Nakagami avrà invece un'altra possibilità in sella alla Honda del Team LCR. Il giapponese ha saputo fin dall'inizio di questa stagione di essere in bilico e di dover fare degli ottimi risultati per meritarsi il rinnovo, ma alla fine non sono stati i risultati a valergli la conferma, quanto piuttosto il grande bagaglio di esperienza accumulata in questi anni di Honda.

Come ha confermato Nakagami nell'incontro con i giornalisti che apre il fine settimana di Aragon, Honda ha scelto di tenerlo in squadra per evitare il rischio di trovarsi con tre piloti completamente a digiuno di esperienza in sella alla RCV 213 nel 2023. Mir e Rins hanno corso sempre e solo con la Suzuki, spinta da un 4 in linea e moto completamente diversa dalla Honda. Ai Ogura, candidato naturale a sostituire Nakagami, sarebbe invece stato l'unico rookie dalla Moto2 e debuttare in top class su questa Honda non gli avrebbe di certo reso la vita facile. 

"Penso che questo sia il motivo per Honda ha deciso di tenermi - ha detto Nakagami - Se me ne fossi andato, Honda avrebbe perso tanta esperienza. Marc ha esperienza ovviamente, ma gli altri tre piloti non ne avrebbero avuta. Penso che sia per questo che mi hanno dato questa possibilità. Io posso anche aiutare per lo sviluppo della moto, sappiamo che dobbiamo migliorare. Dobbiamo scegliere con cura che direzione prendere. Marc è stato veloce a Misano, anche io ho provato tante cose nuove. Adesso dobbiamo fare per bene il nostro lavoro in vista del 2023". 

Insomma hai un'altra chance. 
"Almeno per un altro anno sarò qui e sono felice. Posso solo ringraziare per quest’altra opportunità, con la stessa squadra, lo stesso capotecnico. Non vengo da una stagione competitiva, ma spero di finire al meglio e preparare al meglio il 2023". 

Pensi che per il 2024 non ci siano poi possibilità per te?
"Non so ancora cosa succederà nel 2024, onestamente. Honda non ha deciso nulla, dipenderà tutto dai risultati. Per me non è facile, sono felice di avere un’altra chance ma ho passato un periodo difficile. Non sapevo cosa avrei fatto, mi dicevano che forse sarei rimasto qui e forse no, che sarebbe dipeso dai risultati. Ai Ogura era nei piani anche. Ma mi sono preso questa opportunità e non sai mai cosa potrà accadere in futuro. Magari farò una stagione supercompetitiva e potrò restare ancora, ma ovviamente al momento non lo so. Tutti sanno che Ogura sta aspettando di essere qui, è il piano naturale portarlo in MotoGP. Io farò il massimo per me stesso ed anche per rendere veloce questa moto per la prossima generazione di piloti. In ogni caso cercherò di essere importante, potrebbe essere l’ultima chance o magari no". 

Lo affronterai pensando che sia il tuo ultimo anno?
"Come ho detto, non sappiamo ancora nulla perché nulla è deciso. Mi sento come se possa essere il mio ultimo anno, ma non ho zero possibilità per il 2024. Cercherò di fare semplicemente il massimo e magari prendermi un’altra possibilità di restare". 

Ti sei guardato attorno?
"Non ho cercato altre opportunità, onestamente. Non ho parlato con altri Costruttori. Ho solo aspettato Honda per capire cosa volesse fare con me. Non ho guardato altrove insomma. Mi hanno chiesto se potessi diventare un test rider e parlo dei giornalisti. Io non ho mai parlato di questo, a nessuno. Non c’era questa chance. Magari per il futuro potrebbe essere questa la mia strada, io credo di poter aiutare. Al momento però voglio correre, mi sento un pilota da gara". 

Raccontaci dei test di Misano. 
"Ho provato alcune novità…era parecchio che lavoravamo sul forcellone in carbonio, mentre a Misano abbiamo provato un forcellone in alluminio. Dopo due giri ho capito che era interessante, non ho trovato punti negativi. Direi che è stata uno degli aspetti positivi del test. Ho potuto esprimere i miei feedback in modo molto chiaro. Non so se lo utilizzerò quest’anno. Dopo i test ho chiesto se fosse possibile usare il telaio nuovo, ma non sono ancora certi. Io ho chiesto di usarlo, questo posso dirlo. Penso che sia un netto passo in avanti".

Qui avri sulla moto qualche novità?
"A Misano ho provato anche la nuova aerodinamica, che si comporta molto bene. Potrei usarla in questo fine settimana e poi ci sono altri piccoli update sulla moto. Come i manubri ed altre piccole cose". 

Articoli che potrebbero interessarti