Tu sei qui

Moto2, Beaubier: "torno negli USA, ero venuto per correre in MotoGP"

"A dicembre compirò 30 anni quindi, a prescindere dai risultati che otterrei l'anno prossimo, non mi vedo in MotoGP a 31 anni. Mi sta bene, ma non voglio ritrovarmi a correre in questa categoria anno dopo anno, quindi ho deciso che gli ultimi anni della mia carriera sarebbero stati meglio spesi a casa"

Moto2: Beaubier: "torno negli USA, ero venuto per correre in MotoGP"

Share


Cameron Beaubier chiude la sua carriera nei Gran Premi e si separerà dall'American Racing alla fine del 2022.

Il cinque volte campione della MotoAmerica Superbike ha deciso di tornare a casa, negli Stati Uniti, e di correre ancora una volta nella serie nazionale dopo due anni nel campionato mondiale Moto2.

Sebbene il team e Cam avessero pianificato provvisoriamente di continuare a lavorare insieme nel 2023, lui ha deciso di seguire una strada diversa, che il team comprende e rispetta pienamente.

In due anni insieme, Cam e l'American Racing Team hanno condiviso alcuni dei momenti più alti che la Moto2 può offrire, non ultimo la partenza dalla pole position nel del Gran Premio di casa all'inizio di quest'anno.

"Vogliamo ringraziare Cam per il suo impegno, la sua etica del lavoro e soprattutto la sua amicizia. Non vediamo l'ora di vederlo continuare la sua carriera con successo sul suolo di casa e, nel frattempo, puntiamo a concludere la stagione Moto2 2022 insieme con la stessa forza con cui l'abbiamo iniziata".

Il team sta ora facendo nuovi piani per il suo roster 2023 e confermerà la nuova formazione a tempo debito.

"Non è stata una decisione facile, questo è certo - ha spiegato Cameron BeaubierInnanzitutto voglio ringraziare la squadra per avermi dato l'opportunità di essere qui e di competere sulla scena mondiale e per aver rispettato la mia decisione. Sono contento di aver dimostrato che quando le cose si incastrano sono competitivo per i primi posti. Ma sono venuto qui soprattutto con la speranza di fare carriera in MotoGP e a dicembre compirò 30 anni. Quindi, a prescindere dai risultati che otterrò l'anno prossimo, non mi vedo in MotoGP a 31 anni. Mi sta bene, ma non voglio ritrovarmi a correre in questa categoria anno dopo anno, quindi ho deciso che gli ultimi anni della mia carriera sarebbero stati meglio spesi a casa.

Oltre all'intensità della pista, non mentirò, una parte della mia decisione è dovuta alla nostalgia di casa. Ho vissuto tutta la vita nella California settentrionale ed è stato difficile passare molto tempo lontano da tutto e da tutti quelli che conosco e amo. Non mi ero reso conto di quanto apprezzassi le gare della serie MotoAmerica e la possibilità di essere a casa dopo ogni weekend di gara.

Capisco che alcuni dei miei sostenitori saranno dispiaciuti di non vedermi più sul palcoscenico mondiale, ma voglio che sappiate che sono davvero felice di aver colto l'occasione di venire qui, di essere un pilota da Gran Premio e di sperimentare di nuovo la vita in questo paddock come un vero adulto. Mi ha dato un enorme rispetto per tutti i piloti qui e per la competitività e il talento di tutti. Sono cresciuto come pilota negli ultimi due anni e non vedo l'ora di portare con me questo bagaglio per chiudere questa stagione nel modo più forte possibile, per me e per la squadra".

"Cameron ci ha comunicato a Misano la sua intenzione di tornare negli Stati Uniti e naturalmente mi è dispiaciuto molto sapere che ha intrapreso questa strada - ha aggiunto Eitan Butbul, proprietario del team -Ma alla fine rispetto lui e la sua scelta di passare più tempo con la sua famiglia. Avevamo concluso il suo contratto iniziale di due anni e avevamo concordato provvisoriamente un prolungamento per il 2023, dove credevo che avrebbe potuto lottare per il titolo, visti i progressi che ha dimostrato. I momenti indimenticabili che abbiamo vissuto insieme hanno dimostrato a tutti che ha le carte in regola per stare davanti. Fuori dalla moto, l'ho trovato uno dei ragazzi più simpatici con cui si possa lavorare e non vedo l'ora di continuare a spingere con lui per ottenere i risultati che merita negli ultimi 6 round.

Voglio chiarire che il progetto del team di portare i piloti americani nel Campionato del Mondo è ancora al centro di tutto ciò che facciamo all'American Racing, e continueremo a cercare il prossimo pilota americano da portare con noi.

Siamo anche consapevoli che in futuro dovremo creare un passaggio tra la MotoAmerica e il Campionato del Mondo Moto2 per rendere più agevole la transizione dei piloti americani, ed è per questo che stiamo lavorando all'opzione di portare il team anche nella classe europea Moto2 della FIM JuniorGP, per preparare più facilmente i giovani e talentuosi piloti alle esigenze della classe intermedia del Campionato del Mondo".

Articoli che potrebbero interessarti