Tu sei qui

SBK, Flavio Ferroni nuovo pilota Yamaha nel CIV Superbike

Libero di accasarsi dopo la separazione da DMR Racing, Flavio Ferrori salirà sulla Yamaha R1 del Keope Motor Team negli ultimi due round stagionali del CIV Superbike

SBK: Flavio Ferroni nuovo pilota Yamaha nel CIV Superbike

Share


Con Niccolò Canepa impossibilitato a prendere parte all’intera seconda parte di stagione per le note concomitanze con Mondiale Superbike e Mondiale Endurance, Yamaha è dovuta correre ai ripari nel CIV Superbike. Ingaggiato Simone Corsi per il singolo fine settimana della Racing Night al Misano World Circuit Marco Simoncelli, a salire sulla Yamaha R1 M del Keope Motor Team negli ultimi due round 2022 della serie tricolore spetterà invece a Flavio Ferroni, libero di accasarsi in seguito alla recente separazione da DMR Racing.

Divorzio da DMR Racing

Non riconfermato da Nuova M2 Racing, seppur artefice di due dei tre podi totali conseguiti lo scorso anno da Aprilia, Flavio Ferroni aveva deciso pertanto di investire sull’ambizioso progetto DMR Racing Honda per la stagione corrente del CIV Superbike. Buoni propositi a parole che tuttavia non sono stati mantenuti in pista. Risultati ben al di sotto delle aspettative, influenzati peraltro da un brutto infortunio rimediato in un incidente in gara a Vallelunga, che (come anticipato su questo sito in data 10 agosto) hanno indotto l’originario di Alba Adriatica a concludere anzitempo il sodalizio che lo legava alla struttura capitanata da Walter Durigon.

Ferroni con Keope Motor Team

Il pilota dai trascorsi nel National Trophy 1000 non resterà comunque a braccia conserte e la nuova sistemazione non ha tardato ad arrivare. Dopo varie settimane di trattative, a fine agosto ha trovato l’intesa definitiva con il Keope Motor Team in vista dei restanti appuntamenti (quattro gare) del CIV Superbike 2022. A partire da questo week-end all’Autodromo Internazionale del Mugello, Flavio Ferroni sarà impegnato pertanto sulla collaudata Yamaha R1 M rimasta orfana di Niccolò Canepa, moto che la scorsa settimana ha avuto modo di saggiarne il potenziale in un primissimo test proprio sul tracciato toscano con riferimenti cronometrici già non troppo distanti dal futuro compagno di squadra Randy Krummenacher.

Articoli che potrebbero interessarti