Tu sei qui

MotoGP, Crutchlow: "Puoi fare tutti i test che vuoi ma non c'è nulla come correre"

Cal tornerà sullo schieramento a partire da Aragon in sostituzione di Dovizioso: "avrò 6 gare e due test in 8 settimane, sono passato da essere l'uomo meno impegnato a quello che lo è di più"

MotoGP: Crutchlow: "Puoi fare tutti i test che vuoi ma non c'è nulla come correre"

Share


Cal Crutchlow sicuramente non si aspettava di essere nuovamente catapultato in gara. Dopo il ritiro, il pilota britannico aveva accettato l’offerta di Yamaha per fare il collaudatore, ma il destino ha voluto metterlo ancora una volta sullo schieramento. Già lo scorso anno aveva corso quattro gare prima per sostituire Morbidelli e poi Vinales e quest’anno saranno ben 6.

Cal, infatti, è chiamato a sostituire Andrea Dovizioso, che a Misano ha corso il suo ultimo GP nella classe regina.

Per me è stato perfetto ritirarmi e fare il collaudatore, posso ancora guidare con un buon passo e aiutare Yamaha - ha raccontato Crutchlow nel podcast ufficiale della MotoGP - Però tornare a correre non è facile. Non c’è nulla come correre. Puoi fare tutti i test che vuoi, essere sensibile e tenere un buon ritmo, ma per come stanno andando i piloti quest’anno, sarà molto dura. Farò solamente il mio lavoro al meglio possibile, sarà utile per Yamaha perché potrò dargli informazioni sulla moto”.

Il britannico conosce già il team RNF WithU, perché l’anno scorso aveva corso i due GP in Austria con quella squadra. Senza contare che il team manager Wilco Zeelenberg era al suo fianco ai tempi della Supersport. Per Cal sarà comunque un vero e proprio tour de force.

Non vedo l’ora di tornare, ma penso anche che dovrò correre 6 gare in 8 settimane e avrò anche due test nello stesso periodo - ha sospirato - Sarò molto occupato. Ero la persona meno impegnata e probabilmente diventerò quella che lo è di più”.

Articoli che potrebbero interessarti