Tu sei qui

MotoGP, Alex Rins: "Molta gente dice che sono pazzo ad avere scelto la Honda"

"Potevo avere una Ducati nel team Gresini, ma non sarebbe stata ufficiale e ho detto sì a LCR. Nel paddock c'è molta falsità, io cerco di andare d'accordo con tutti"

MotoGP: Alex Rins: "Molta gente dice che sono pazzo ad avere scelto la Honda"

Share


Ancora poche gare e Alex Rins lascerà Suzuki per salire sulla Honda. Un scelta obbligata quella di abbandonare la moto con cui ha sempre corso in MotoGP, ma per passare alla RC213V serve anche una certa dose di coraggio. O di follia, come ha detto il pilota spagnolo intervistato da DAZN.

Non sarà facile - ha parlato del suo prossimo futuro nel team LCR - Molta gente mi dice che sono pazzo ad andare lì quando avevo altre opzioni”.

Soprattutto una, che lo avrebbe portato sulla moto che al momento tutti vogliono.

Avrei potuto andare del team Gresini sulla Ducati - ha svelato Alex - Non è successo perché alla fine volevo una moto ufficiale e non potevano darmela. Il team LCR me l’ha data ed è per questo motivo che ho scelto Honda e non Ducati”.

In tanti si sono scottati prima di lui, “ma a me piacciono le sfide” ha assicurato. Però è ben cosciente che vincerla non sarà facile.

So che né Alex Marquez, né Pol Espargarò, né Jorge Lorenzo sono cattivi piloti, vedremo cosa potrò fare” ha detto.

Rins ha anche parlato del presunto ‘buonismo’ fra i piloti, senza più quelle rivalità accesse che si erano viste in passato. Secondo lo spagnolo, la situazione nel paddock è ben diversa.

C'è molta falsità  - la sua opinione - Ad Andorra abitano molti piloti ma, ad esempio, ho incontrato solo due volte Joan Mir ed è il mio compagno di squadra. Io non mi trovo male con nessuno, cerco di essere cordiale, di andare d'accordo con tutti”.

Articoli che potrebbero interessarti