Tu sei qui

SBK, Ducati rinnova il forcellone, ma per Bautista la Panigale è untouchable

A Barcellona il pilota spagnolo ha provato un’evoluzione in vista della seconda parte di stagione, ma alla fine ha preferito evitare gli errori del passato, mentre Rinaldi ha promosso la novità

SBK: Ducati rinnova il forcellone, ma per Bautista la Panigale è untouchable

Share


La Superbike è tornata in azione lo scorso weekend sul tracciato di Barcellona per una due giorni di test. L’occasione per affilare le armi in vista della seconda parte di Campionato, al via il 10-11 settembre sul tracciato di Magny-Cours.

All’appello erano presenti tutti i team ufficiali, tra cui Ducati Aruba, che ha portato un’evoluzione del forcellone. Con questa modifica è stato eliminato il carbonio dalla parte superiore, sostituendolo con alluminio non rinforzato e una saldatura più curva rispetto a quella precedente verticale  

L’obiettivo è quello di fornire un maggiore grip al posteriore, specialmente in curva. A tal proposito, la novità non ha del tutto convinto Alvaro Bautista, il quale non ha trovato la fiducia sperata con l’aumento delle temperature. Lo spagnolo ha infatti evitato di apportare modifiche alla Panigale, puntando a rimanere sulla strada tracciata ad inizio anno ed evitare di sbandare come accaduto nel 2019.

Discorso invece opposto per Michael Rinaldi, il quale ha ottenuto riscontri positivi e potrebbe sfoggiare la novità in vista della seconda parte di stagione. Alla fine questa modifica al forcellone sembra aver un doppio volto per i portacolori Aruba.   

Articoli che potrebbero interessarti