Tu sei qui

Michelin: in Formula E è come guidare su tre ruote

Parla Pirracchio: “In otto anni abbiamo ridotto il peso di una gomma. La MotoE è la nostra piattaforma di partenza e la gomma posteriore presenta il 46% di materiali riciclati, mentre nelle auto arriveremo a superare il 50% con lattine, plastica e bucce di agrumi”

Auto - News: Michelin: in Formula E è come guidare su tre ruote

Share


Così lontane, così vicine. Un impegno trasversale quello di Michelin dalle due alle quattro ruote. Se in MotoE c’è una nuova sfida da affrontare chiamata Ducati, in Formula E la Casa Francese vede il proprio impegno volgere al termine dopo otto anni.

L’ultimo esame è rappresentato dal round di Seul, appuntamento conclusivo della stagione 2022 della serie elettrica. A tracciare un bilancio di quanto svolto in questo lungo percorso è Mirko Pirracchio, responsabile del progetto elettrico portato avanti in questi stagioni dal costruttore oltralpe.  

“Il nostro progetto con Formula E è partito nel 2013 – ha ricordato – la nostra era una visione pioneristica, legata allo sviluppo di gomme per le competizioni sostenibili. In questa lunga avventura siamo arrivati a  sviluppare tre generazioni di pneumatici”.

Che tipo di sfida è stata quella di Michelin nell’elettrico?

“Innanzitutto ridurre la quantità di pneumatici e le materie prime necessarie per produrli, dimezzando quindi la produzione e il trasporto, andando poi a ridurre l’emissione di CO2. Siamo quindi arrivati alla realizzazione di una gomma capace di affrontare al tempo stesso situazioni di asciutto e bagnato, ovvero uno pneumatico scolpito. Il nostro prodotto è stato in grado di adattarsi a condizioni climatiche dai 2 gradi del Marocco ai 60 gradi del Cile”.

Michelin ha quindi tracciato una nuova via da seguire.

“Esatto, abbiamo lavorato sui 18 pollici da corsa, a differenza della F1, che è arrivata solo nell’ultimo anno. Tutto ciò ha migliorato la capacità della batteria, mantenendo maggiore energia. Ma soprattutto, dalla prima all’ultima generazionem abbiamo diminuito la massa, arrivando a ottenere il peso di una gomma intera. È come se l’auto avesse tre pneumatici, anziché quattro”.

Qual è l’impatto sull’ambiente?

“La nostra priorità è la riduzione globale delle emissione, tanto che il trasporto avviene per via marittima, mentre per lo smaltimento una parte viene riciclata, mentre l’altra  utilizzata come energia e carburante per i cementifici. Le nostre gomme sono state realizzate con materie prime riciclate come lattine, bottigliette di plastica o bucce di agrumi e l’obiettivo è arrivare ad avere oltre il 50% di questi componenti per il 2025”.

Come cambia il metodo di lavoro?

“La fase principale non è più il consumo, ma la scelta delle materie, le quali possono o essere di origine naturale oppure riciclata o rigenerata. Questo significa però una degradazione delle qualità del prodotto, considerando che il nostro obiettivo è quello di rimanere al top. Abbiamo quindi sviluppato un processo  chimico a base di enzimi che ci ha portato a a separare le molecole per recuperare i prodotti di base”.

Tra le vostre sfida c’è anche la MotoE.

“Quella è la nostra piattaforma di partenza, è una sorta di acceleratore nel processo di evoluzione. Ad oggi arriviamo ad avere il  46% nella gomma posteriore di materiale riciclati mentre nelle auto toccheremo il 53% con il progetto a idrogeno legato alla 24 Ore di Le Mans nel 2025. Il nostro compito è quello di focalizzarci sulla sostenibilità, senza però andare a degradare il resto”.  

    

Articoli che potrebbero interessarti