Tu sei qui

MotoGP, Bradl “Non spendo le mie energie sulla Honda attuale, siamo concentrari sul 2023”

"Proveremo il prototipo, come sempre, nei test di Misano. Il livello delle MotoGP ad oggi è alto ed è difficile correre e collaudare. Le prossime gare non sono importanti, lo è trovare le soluzioni giuste per il 2023. Marc è già coinvolto nel progetto, lui ha la velocità e l’esperienza"

MotoGP: Bradl “Non spendo le mie energie sulla Honda attuale, siamo concentrari sul 2023”

Share


In una MotoGP con prestazioni sempre più elevate il lavoro del collaudatore/pilota è sempre più duro. Se una volta era possibile figurare bene per i tester in gara, magari su piste amiche, la situazione nel motomondiale, oggi, favorisce i piloti superspecializzati.

Le prestazioni crescono e si livellano verso l’alto, comprimendo lo schieramento in pochi decimi. Ne è un esempio la prestazione di Pirro al Mugello, che negli anni passati, sulla pista di casa Ducati, ci riservava spesso piacevoli sorprese, mentre quest’anno è arrivato 18°.

Oggi abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Stefan Bradl che ci ha parlato di cosa voglia dire gareggiare da tester oggi e di come procede lo sviluppo della Honda per il 2023.

É più difficile fare il test rider o le gare?
“É molto difficile, il livello delle MotoGP ad oggi è incredibilmente alto. La distanza tra i piloti è strettissima. Ok, adesso ho fatto un po’ di gare e ho ritrovato velocità, ma essere un test rider e fare le gare, soprattutto facendo la wild card, è sempre più difficile negli ultimi due anni. Bisogna stare molto attenti e ricalibrare analisi e commenti. Fare bene con la velocità che c’è in MotoGP è una sfida molto alta”.

In questo momento sei più concentrato sulla performance di gara o sullo sviluppo futuro della moto?
Non sto spendendo le mie energie mentali su questa moto. Abbiamo degli evidenti problemi per essere veloci con questo mezzo. Adesso è il momento di concentrarci sulla moto 2023. Le prossime gare non sono importanti come lo è trovare le soluzioni giuste per l’anno prossimo ed essere competitivi. Quando Marc tornerà verrà coinvolto nel progetto, lui ha la velocità e l’esperienza. Appena tornerà cercheremo di ritornare forti insieme per lo sviluppo della prossima moto”.

Stai parlando di avere Marc alla guida o nel box?
“No, no, quando tornerà alla guida”.

Pensi che sia importante scambiare informazioni con Marc anche senza che guidi?
“Certo, le stiamo già scambiano, lui è coinvolto nel progetto, al giorno d’oggi la comunicazione è facile a tal punto che non potrebbe essere altrimenti. E' ovvio che sarà meglio quando tornerà in sella”.

Chi si sta occupando dello sviluppo, abbiamo visto Kokubu nel paddock.
“L’organizzazione giapponese spesso è difficile da capire. É meglio se chiedete a qualcun altro - risponde Stefan con una risata  - Il mio capo al momento è Alberto, anzi è Alberto (Puig N.d.R.) e a livello tecnico faccio riferimento a Takeo Yokoyama”.

Durante i test hai provato qualcosa, telai o altro?
“Sì ho provato un telaio diverso”.

Ti è piaciuto?
“Non penso ci fosse una grande differenza, non l’ho usato questo weekend era simile a quello che usavamo in precedenza”.

Vi aspettate grandi cambiamenti per il futuro?
“Non lo so, il mio lavoro è dare la mia opinione, in Giappone stanno lavorando sodo e al momento non ho idea di che moto porteranno ai test di Misano. Sono curioso di vedere quali saranno i cambiamenti. Inoltre non potrà fare quei test come collaudatore perchè ho corso troppi GP. É una conseguenza del fatto che siamo un po’ indietri con lo sviluppo. É un momento difficile”.

Ci sono punti forti di questo progetto che verranno portati avanti?
“Certo, altrimenti saremmo stati a casa. Non è un momento facile ma stiamo lavorando sodo, non ci arrendiamo. Guardate Aprilia: ha passato dei momenti difficili ma ora è molto forte, anche noi ora stiamo faticando ma siamo la Honda e li supereremo”.

Articoli che potrebbero interessarti