Tu sei qui

MotoGP, Vinales: "Sto diventando veloce e questo stimola anche Aleix a migliorare"

"Lavoriamo nel box come una vera squadra, è un sistema che sta funzionando per entrambi. Domani non toccherò la moto, la base è buona e voglio lavorare solo su me stesso. Questa Aprilia è vincente, l'ho detto e lo ripeto"

MotoGP: Vinales: "Sto diventando veloce e questo stimola anche Aleix a migliorare"

Share


Maverick Vinales sta raccogliendo i frutti del duro lavoro che sta svolgendo da quando è approdato in Aprilia l'anno scorso. Il passaggio dalla Yamaha alla V4 italiana non è stato indolore, ma lo spagnolo passo dopo passo ha continuato a costruire la confidenza necessaria in sella per sfruttare tutto il proprio talento ed oggi ha chiuso la prima giornata di libere a Silverstone con un terzo tempo che gli regala un sorriso. 

Adesso il Top Gun guida in modo più naturale, è palese che stia trovando sempre maggiore sicurezza ed il podio di Assen gli ha senza dubbio regalato quella iniezione di fiducia di cui probabilmente aveva bisogno per fare il definitivo salto di qualità e trovarsi a lottare per la top five regolarmente. 

"Sono abbastanza contento del lavoro che abbiamo svolto nella prima parte di stagione - ha commentato Vinales - perché sembra che le cose stiano andando bene. Siamo tornati alla mia normale velocità abbastanza presto ed essere nei primi tre al venerdì è molto importante, ti da' la motivazione giusta e non voglio fermarmi qui. Stiamo lavorando moltissimo perché voglio essere in grado di lottare in ogni Gran Premio e continueremo a farlo anche perché adesso sappiamo bene in che modo lavorare sulla moto. Stiamo lottando per le posizioni di vertice e costruendo una ottima base". 

La nuova carena funzionava molto bene ad Assen, anche qui è un elemento che ti sta aiutando?
"Dobbiamo ancora sistemare qualche dettaglio, perché in alcuni punti della pista non posso ancora spingere al massimo. Manca qualcosa, ma la nuova carena funziona bene e penso che abbiamo ancora tante carte da giocarci per migliorare e lottare al top. Naturalmente ogni volta che salgo sulla moto mi sento sempre meglio ed è per questo che sono convinto di quello che dico. E’ importante, ogni passo che puoi fare in avanti in questo campionato è molto importante". 

Hai le stesse sensazioni del Sachsenring o Assen?
"Sono fine settimana molto diversi fra loro. Di solito io divento forte mano a mano che passano le sessioni del weekend. Di solito trovo la quadra nel warm up e poi in gara, mentre in questo fine settimana sembra tutto diverso. So che è solo venerdì, ma sono davanti e penso che non toccherò molto la moto per mantenere queste sensazioni e cercare di lavorare su me stesso in pista e migliorare. Questo venerdì mi rende davvero sereno, ho anche un ottimo ritmo e devo solo continuare su questa strada". 

Anche oggi siete entrati in pista assieme tu e Aleix, è una cosa che ti aiuta?
"L’obiettivo principale di Aprilia è quello di stare nelle prime posizioni, con entrambi i piloti. Aleix sta lottando per il titolo, stiamo lavorando tutti molto duramente come una sola squadra. Su qualche pista ci sono curve dove io sono più veloce di lui e viceversa e lavoriamo assieme per aiutarci a vicenda sempre e dare il massimo in ogni punto della pista. Penso che sia un sistema che aiuta entrambi e sta funzionando. E’ una cosa che facciamo in ogni sessione fino alla FP4, che come sempre è molto importante per capire il ritmo gara che possiamo avere". 

Secondo te Aleix sente la tua crescita e magari teme che tu possa diventare più forte di lui con la RS-GP?
"Credo che il fatto che io sia veloce dia ancora più motivazioni ad Aleix ed anche a me e ci spinge a migliorare a vicenda".

Domenica sarà meglio sfruttare il problema del long lap penalty di Quartararo e magari correre in difesa, o attaccare?
"Penso che la miglior difesa sia l’attacco. Se Aleix è nelle condizioni di farlo, deve farlo perché lui corre senza pressione. L’ho detto tante volte e lo ripeto, questa Aprilia ha il potenziale per vincere e noi lavoriamo come una sola cosa nel box, con molta serenità e calma ma con l’obiettivo di vincere. Penso che la dinamica della squadra sia ottima e l’obiettivo è chiarissimo, vogliamo che Aprilia diventi campione del mondo". 

Articoli che potrebbero interessarti