Tu sei qui

MotoGP, Attenti a quei due della Suzuki: Joan secondo nelle FP2, Rins settimo

Joan Mir: " non ripeterò l'errore dello scorso anno, avere Alex nel box sicuramente un vantaggio" Alex Rins scherza: "dopo la pausa sono salito sulla moto e ho pensato 'troppa potenza'!, a Silverstone nessun segreto, amo questo tracciato"

MotoGP: Attenti a quei due della Suzuki: Joan secondo nelle FP2, Rins settimo

Share


Il rientro dalla pausa estiva non poteva essere dei migliori per il team Suzuki. Il circuito inglese di Silverstone da sempre favorevole alla Suzuki mantiene le sue promesse. Joan Mir tallona la Yamaha di Quartararo durante le FP2 e conquista un ottimo secondo miglior tempo della sessione a meno di due decimi dal pilota francese. Ottimo anche il risultato del suo compagno di squadra, Alex Rins, che ottiene il settimo miglior tempo su un circuito che in passato lo ha già visto trionfare nel 2019.

"E' stata un'ottima giornata di prove libere - ci racconta Joan - specialmente durante le FP2 sono riuscito ad essere competitivo, prima con la media al posteriore, poi anche con la mescola morbida. Sicuramente abbiamo ancora margini di miglioramento, dopotutto è soltanto la prima giornata, ma mi sono davvero divertito a guidare oggi. Penso che nella prima metà di stagione abbiamo fatto un ottimo lavoro nell'inquadrare bene la moto ed il risultato di oggi è anche frutto di questo percorso".

Il tuo compagno di squadra è uno specialista di questo circuito, ti ha dato alcuni consigli?
"Avere un compagno di box del suo livello è sicuramente un vantaggio, non mi ha dato dei consigli specifici ma è un ottimo pilota e si trova bene su questo tracciato. Credo che su questo circuito potremo entrambi ottenere degli ottimi risultati".

Quindi pensi di essere già pronto per la gara di domenica?
"Fino ad ora le sensazioni in pista sono state ottime, ho anche provato alcuni giri montando una mescola morbida anche sull'anteriore. Per alcuni giri mi ha dato un ottimo feeling, ma sarei sorpreso se riuscissi a terminare l'intera gara con quella opzione. Lo scorso anno feci esattamente questo errore quindi penso che la media sull'anteriore sarà un'opzione migliore qui a Silverstone".

Si è parlato molto delle long lap penalty, in riferimento alla penalizzazione di Fabio ricevuta per l'incidente di Assen. Tuttavia non tutti i circuiti sono uguali, cosa ne pensi?
"In effetti la penalizzazione qui a Silverstone ha un impatto minore che su altri circuiti, di certo non sono tre secondi, forse neanche uno".

Il supporto dalla casa madre è diminuito? Riceverete ancora nuove parti da poter utilizzare in gara?
"In questo momento non posso dirlo con certezza, del resto neanche normalmente ricevevamo nuove componenti dopo ogni gara, quindi per il momento non ho ancora avvertito grosse differenze".

Alex Rins: nessun segreto, Silverstone è un circuito speciale per me

Ottima prova anche per Alex Rins, settimo miglior tempo della giornata e per molti uno dei favoriti di questo circuito, che nel 2019 lo vide strappare una vittoria all'ultimo giro a Marquez. Il pilota spagnolo appare ora più sereno dopo la firma il prossimo anno col team LCR di Lucio Cecchinello e questo forse può aver influito nelle sue prestazioni, che lo hanno inserito tra i piloti più a loro agio in questa prima giornata di prove libere.

"E' bello ricominciare dopo la pausa estiva in questo modo - ci spiega Alex - anche se ammetto che nei primi giri quasi scivolavo dalla moto ed ho pensato 'troppa potenza!' . Il passo è stato buono sia nelle FP1 che nelle FP2. Abbiamo provato ad usare una strategia diversa dagli altri piloti, montando la gomma soffice a metà delle FP2. Sapevamo che sarebbe stato un handicap perché quando fai un ottimo tempo, i tuoi avversari potranno utilizzarlo come riferimento per capire i limiti del tracciato. Lo abbiamo fatto anche per testare tutti i tipi di mescola, ma è soltanto il primo giorno quindi abbiamo ancora tempo per lavorare prima della gara di Domenica".

Su questo circuito sei sempre riuscito ad ottenere degli ottimi risultati. Rispetto agli scorsi anni, quali differenza hai notato maggiormente in sella alla nuova moto 2022?
"Nelle FP2 siamo tornati alla vecchia carena e abbiamo notato che effettivamente la moto è migliorata, sopratutto in partenza".

Puoi rivelarci il segreto della tua bravura su questo circuito?
"Ieri dicevo che su questo circuito so essere veloce, ma ero cauto perché volevo vedere il livello dei miei avversari quest'anno. La realtà è che semplicemente mi trovo bene su questo tracciato, amo sia le curve veloci che quelle più lente, è decisamente un circuito speciale per me".

Articoli che potrebbero interessarti