Tu sei qui

MotoAmerica, Gagne: "Brainerd può mordere in punti strani". Petrucci: "ho commesso un errore"

Jake: "Qui non si può semplicemente aprire il gas e girare. Su questa pista bisogna rimanere concentrati". Petrux: "in mattinata ho fatto un highside come ai vecchi tempi, poi ho sbagliato una marcia con Petersen"

MotoAmerica: Gagne: "Brainerd può mordere in punti strani". Petrucci: "ho commesso un errore"

Share


Continua a perdere terreno Danilo Petrucci nel MotoAmerica.  Mancano sette corse alla fine, sono 175 punti in palio, Ora, dopo il terzo posto di Brainers il distacco da Jake Gagne è salito a 12 punti. Una distanza non incolmabile, ma difficile da recuperare perché Danilo si trova sempre a gareggiare su piste sconosciute e difficili. Lo ammette lo stesso Gagne.

"Come hanno detto entrambi i ragazzi, è un posto difficile. Si può ridurre il rischio in un paio di punti percentuali e cercare di usare il minimo angolo di piega e cose del genere, ma può mordere in punti strani. Ho avuto questa esperienza l'anno scorso e nei test - ha confermato Jake - In passato ho avuto delle cadute strane e gravi in questo posto, quindi volevo assicurarmi di non fare nulla di stupido. Ho fatto una buona partenza. I primi due giri sono stati un po' complicati. Non ho avuto grandi momenti, ma ho avvertito che posteriore non aveva la stessa aderenza come nelle prove, quindi bisognava guidare la gomma in modo un po' diverso. Sono stato fortunato a fare un paio di giri puliti e poi, quando ho avuto un po' di margine, ho potuto guidare e cercare di non commettere errori. Qui non si può semplicemente aprire il gas e girare. Su questa pista bisogna rimanere concentrati. Possono succedere cose strane. Ancora una volta, grazie ai ragazzi della Yamaha. Stanno lavorando sodo. Credo che tutti noi vogliamo cercare di capire come migliorare il feeling delle gomme e ottenere un po' più di consistenza. Ma è un posto interessante. È difficile ottenere questa consistenza e sapere davvero cosa faranno le gomme, finché non è troppo tardi".

Di fatto le medesime sensazioni avute da Petrucci.

Petrucci: "mi è entrata una folle mentre cercavo di scappare da Petersen"

Alla fine ho commesso un errore. Il problema è stato che fin dall'inizio, dal primo giro, ho pensato di avere una gomma fredda al posteriore. È stato molto, molto difficile guidare. Ho avuto l'impressione di aver sbagliato qualcosa con la sospensione posteriore o con il controllo di trazione, non lo so - ha analizzato Petrux - Dopo la gara abbiamo controllato la pressione e il pneumatico posteriore era molto, molto basso. Alla fine è andata bene. Stavo spingendo molto per andare via da Cameron Petersen, ma ho commesso un errore e mi è entrata una folle alla penultima curva e sono finito nell'erba. È stato sicuramente uno dei giorni più difficili. Stamattina ho avuto una grossa caduta, un highside come quelli di altri tempi Non è stato facile ricostruire la moto e andare avanti. Sono molto arrabbiato per il mio errore, ma devo capire cosa è successo sulla moto. Ma sono sicuramente felice che domani sia un altro giorno".

Petersen: "ho alzato la mano, pensavo ci fosse qualcosa che non andasse"

Petersen, secondo al traguardo, ha poi confermato le sensazioni di entrambi.
"Più o meno ho provato le stessa cosa. C'è stato un momento in cui ho persino alzato la mano perché pensavo che ci fosse qualcosa che non andava con la moto. Non riuscivo ad entrare in curva. La moto scivolava dappertutto. È successo per tutto il weekend. Ogni volta che mettiamo una gomma nuova, nei primi due o tre giri sembra una gomma vecchia. Quindi, credo di aver esagerato, come ho fatto per tutto l'anno, solo per cercare di stare con Jake. È stata una gara interessante. Credo che tutti noi stessimo lottando per lo stesso motivo. L’asfalto è strano e con un pneumatico nuovo di zecca, sembra che abbia fatto 30 giri".

Articoli che potrebbero interessarti