Tu sei qui

SBK, I collaudatori moto Pirelli laureati dalla FMI in 'sicurezza di guida'

l corso ha coinvolto 21 collaudatori moto di Pirelli che hanno ricevuto la qualifica di Istruttori Federali dalla FMI, esempio unico nel settore. Un progetto nato dalla volontà di confronto fra Pirelli e FMI che da tempo investono sulla sicurezza e sulla continua formazione tecnica del proprio personale

SBK: I collaudatori moto Pirelli laureati dalla FMI in 'sicurezza di guida'

Share


Studiare per essere veloci, insegnare ad andare veloci, in sicurezza. L'obiettivo di ogni motociclista è da sempre fra le priorità di Pirelli che, non a caso, ha uno strettissimo legame fra produzione e competizione, con un continuo travaso di esperienze fra la pista e la strada.

Nulla di nuovo, dunque, se di concerto con la FMI, Salvo Pennisi, responsabile, ma meglio sarebbe dire creatore del test team di Pirelli, fra le altre cose ex collaudatore della Cagiva 500 GP, ha perseguito con successo questo obiettivo: laureare i tecnici federali di strada e fuoristrada.

Fra di loro nomi noti fra gli appassionati delle diverse specialità che hanno, di concerto con la FMI, apportato la propria esperienza a beneficio del sapere comune che alla fine si trasforma in una guida appagante e sicura. (p.s.)

Un progetto comune fra Pirelli e Federazione Motociclistica Italiana che ha visto tornare sui banchi i 21 collaudatori moto dell’azienda di pneumatici. Obiettivo: una sempre maggiore sicurezza per chi fa il motociclista di professione, attraverso un corso, organizzato nel proving ground Pirelli di Pergusa, dove i collaudatori del reparto testing moto hanno seguito le lezioni degli esperti della Federmoto conseguendo a fine corso la qualifica di Istruttori Federali, sia su strada che in fuoristrada. Un esempio unico nel comparto e che conferma l’attenzione massima verso la sicurezza da parte della Federazione Motociclistica Italiana e di Pirelli.

Il corso, organizzato dal Coordinatore Direzione Tecnica della Federmoto e Consigliere Federale Raffaele Prisco e tenuto dagli Istruttori Federali FMI Alex De Angelis (ex pilota MotoGP e Superbike)per la guida su strada e Davide Degli Esposti (ex Campione italiano ed europeo supercross) per quella in fuoristrada, è stato un’occasione di confronto per Pirelli e Federazione Motociclistica Italiana sui metodi di lavoro che ha portato ad un arricchimento reciproco fra professionisti della motocicletta.

“Vorrei ringraziare la Federazione Motociclistica Italiana e il suo Presidente per questa opportunità di collaborazione - ha commentato Salvo Pennisi, Responsabile Testing Moto & Velo di Pirelli - i docenti FMI si sono dimostrati estremamente preparati ed abili nel trasmettere concetti e materie non semplici. Gli argomenti trattati si sono rivelati non solo molto interessanti ma anche di immediata utilità ed è stato altrettanto utile notare quanti fossero i parallelismi tra la nostra metodologia e quella della Federazione. Il lavoro del collaudatore è estremamente impegnativo perché richiede grande attenzione e livelli di concentrazione costanti. Con questo corso, che fa parte dell’impegno che Pirelli ha assunto in tema di sostenibilità e del costante lavoro che, con il testing, svolgono i dipartimenti HR e HSE, ora si ha sicuramente una maggiore conoscenza delle migliori pratiche di prova e d’insegnamento, elementi che arricchiscono la nostra continua formazione. Perché è importante sapere che il valore dei pneumatici è anche dato dagli investimenti che Pirelli fa nel nome della sostenibilità e della sicurezza”.

“Ringrazio Pirelli per aver voluto e creduto fortemente in questa collaborazione con la Federazione Motociclistica Italiana, a mio avviso davvero proficua per entrambe le parti - ha aggiunto Giovanni Copioli, Presidente FMI - Anche grazie a queste attività sviluppiamo quel “sistema Italia” che reputo fondamentale per la crescita del nostro motociclismo sotto ogni punto di vista. Abbiamo trovato una forte unione di intenti e grande intesa sia negli obiettivi di sicurezza da raggiungere che nei criteri da utilizzare per ottenere sempre maggiori riscontri sotto questo aspetto. La FMI ha voluto fornire a Pirelli una esperienza didattica completa e di alto livello viste le abilità dei collaudatori, molto preparati sia dal punto di vista teorico che pratico. Crediamo fortemente nell’interazione con Case, aziende ed Enti: il confronto è necessario per dare una direzione ben precisa ai nostri progetti di Formazione, adattandoli alle esigenze di un mondo, quello motociclistico, in continuo sviluppo non solo dal punto di vista tecnologico”.

Il dipartimento sperimentazione moto di Pirelli vanta 40 anni di attività ed è riconosciuto come una realtà di eccellenza a livello internazionale grazie alla continua formazione di tipo tecnico ma anche agli investimenti in ambito sicurezza e alla fitta rete di contatti con le case motociclistiche. Il testing moto Pirelli collabora da oltre vent’anni al continuo sviluppo dei sistemi airbag con le principali aziende del settore e i suoi collaudatori sono stati tra i primi al mondo ad introdurre l’airbag come componente standard delle loro dotazioni di sicurezza. L’attività del reparto testing moto di Pirelli produce ogni anno 8000 prove di comportamento per un totale di circa 600.000 chilometri percorsi. Per ottenere una costante qualità di prodotto il dipartimento sperimentazione ha bisogno di formazione continua sia tecnica sia operativa e Pirelli valorizza le persone che impiega, investendo su sicurezza attiva e passiva ma anche e soprattutto sulla formazione.

Salvo Pennisi, Responsabile Testing Moto & Velo di Pirelli

I Corsi di Formazione della Federazione Motociclistica Italiana tenuti dal Settore Tecnico si sviluppano in sessioni teoriche e pratiche molto approfondite. Sono generalmente strutturati su tre giorni durante i quali si affrontano lezioni in aula, su piazzale e su strada. L’impianto di Pergusa è stato utilizzato esclusivamente secondo scopi di formazione e guida sicura. Durante la teoria, sono stati trattati diversi argomenti tra i quali fisica, dinamica della motocicletta e primo soccorso e anche tematiche all’avanguardia come fisiologia, psicologia e biomeccanica del motociclista. Il tutto considerando la specificità del ruolo di collaudatore. Relativamente alla pratica, le sessioni sono state adeguate alla già ottima preparazione del personale Pirelli. Molto alto il livello di abilità richiesto e riscontrato negli esercizi su piazzale, mirati a un’ottima gestione della moto, così come sono state particolarmente intense e di alto tasso tecnico le ore di Guida Sicura sia su asfalto che fuoristrada.

Articoli che potrebbero interessarti