Tu sei qui

SBK, A volte ritornano: Zanetti e Cavalieri pronti al rientro nel CIV per la Racing Night

Entrambi reduci da infortuni, questo fine settimana Lorenzo Zanetti e Samuele Cavalieri torneranno in gioco nel CIV Superbike per la notturna di Misano

SBK: A volte ritornano: Zanetti e Cavalieri pronti al rientro nel CIV per la Racing Night

Share


Prosegue inesorabilmente il conto alla rovescia verso la Racing Night. Per anni appuntamento fisso del calendario nei decenni ’80 e ’90, la notturna motociclistica al Misano World Circuit Marco Simoncelli ha visto nuova luce lo scorso anno e rappresenta oggi l’evento più atteso del Campionato Italiano Velocità. Una corsa ricca di storia e di fascino, con spunti d’interesse che non mancheranno neanche questo fine settimana, a cominciare in primis dai rientri di Lorenzo Zanetti e di Samuele Cavalieri nella classe regina Superbike dopo mesi particolarmente problematici per entrambi.

Da Misano e Misano, per lasciarsi alle spalle infortuni e ospedale

Dallo scorso mese di aprile a questa parte, Lorenzo Zanetti ne ha passate di ogni. Incominciata la stagione col piglio giusto, salendo subito sul podio nella gara d’apertura del CIV Superbike 2022, sfortunatamente nella successiva manche un violento impatto (causato da un problema registrato sulla propria moto) con un avversario gli ha provocato la rottura della scapola e di alcune costole, un polmone perforato con annesso intervento alla milza: un referto medico che assomigliava a un bollettino di guerra. Superata la (lunga) convalescenza, nelle settimane precedenti il portacolori Broncos Racing Team ha compiuto varie sessioni di test per riprendere i giusti automatismi. Tra pochi giorni tornerà così sul luogo del “fattaccio”, in occasione della notturna, che nel 2021 gli aveva regalato la gioia del secondo posto finale dietro all’allora vincitore Michele Pirro.

Cavalieri all’esordio stagionale

Se Zanetti ha fin qui disputato almeno una gara, all’opposto Samuele Cavalieri neanche una. Punta di diamante del nuovo corso Kawasaki nel CIV Superbike, a ridosso del primo round è incappato suo malgrado in una rovinosa caduta durante un test a Cremona, rimediando la frattura del polso e di un dito della mano destra. Onde evitare di bruciare eccessivamente le tappe, il vicecampione 2020 ha preferito perdere di fatto l’intera prima parte di stagione nel tentativo di recuperare la condizione fisica ottimale. Adesso però potrà finalmente riabbracciare la Ninja ZX-10RR di Black Flag Motorsport, sviluppata nel frattempo dall’esperto sudafricano Sheridan Morais (un sesto posto in Gara 2 a Vallelunga quale miglior piazzamento) e ulteriormente affinata sul piano tecnico in previsione di Misano grazie al supporto diretto della filiale nostrana di Akashi.

Voglia di correre

Seppur ancora non al 100% fisicamente, gioco-forza ambedue gareggeranno senza particolari aspirazioni di classifica, bensì con il semplice obiettivo di “abbassare la visiera e dare il massimo” in seguito alle sofferenze patite a inizio 2022. Per un CIV Superbike che si appresta ad accogliere due storici protagonisti della serie, dall’altra c’è la pista di Misano che non aspetta altro che accendere in riflettori sulla Racing Night.

Articoli che potrebbero interessarti