Tu sei qui

MotoGP, Bradl: "nei test a Jerez abbiamo capito come affrontare il caldo estremo"

Il test rider di HRC ha provato due giorni a Jerez per risolvere i problemi di surriscaldamento della RC213-V che gli hanno procurato una ustione ad un piede: "ora possiamo affrontare Spielberg, Misano, Aragon, Buriram e Malesia"

MotoGP: Bradl: "nei test a Jerez abbiamo capito come affrontare il caldo estremo"

Share


Il sostituto di Marc Marquez, Stefan Bradl, ha effettuato test a Jerez questa settimana, mercoledì e giovedì, con temperature estive elevate. Non bisogna essere profeti per intuire che il Test Team Honda ha colto l'occasione per sperimentare misure che rendano più sopportabile la guida della Honda RC213 in condizioni di caldo estremo.

Al GP di Germania, il 32enne bavarese ha addirittura riportato ustioni sul piede destro in gara a una temperatura esterna di 36 gradi, perché il calore non viene dissipato sulla Honda. Il team di Pol Espargaró ha riferito che un'ora dopo l'allenamento la temperatura superficiale del forsellone era ancora di 100 gradi. Ricordiamo che la Honda non ha ottenuto un punto al Sachsenring, una cosa che non accadeva da più di 40 anni.

"Giovedì abbiamo avuto temperature dell'asfalto di oltre 60 gradi - ha detto Stefan Bradl in una conversazione con Speedweek - quindi, era logico che affrontassimo il problema del calore. Siamo già riusciti a migliorare qualcosa in questo senso. I tecnici Honda avevano alcune idee su come migliorare il flusso d'aria all'interno. Sicuramente potremo affrontare di nuovo il caldo estremo a Spielberg, a Misano, ad Aragon, poi a Buriram e in Malesia. Al momento fa molto caldo anche a Donington nel campionato mondiale Superbike. Certo, le condizioni del Sachsenring erano eccezionali. Tuttavia, dobbiamo essere preparati a tali condizioni. Anche gli ingegneri Honda se ne sono resi conto. Questo messaggio è stato chiaramente recepito".

Ma l'accumulo di calore alle alte temperature non è l'unico punto debole della Honda 2022. Manca di velocità su un singolo giro  (come nel 2021), non riesce a sfruttare al meglio i vantaggi delle nuove gomme morbide e anche il ritmo di gara lascia a desiderare.

Pol Espargaró finora ha costantemente ed energicamente invocato una maggiore aderenza sulla ruota posteriore, Marc Márquez, invece, ha desiderato un maggiore feeling con la ruota anteriore. L'equilibrio ideale tra questi due estremi non è mai stato trovato nei primi undici Gran Premi.

"Ora abbiamo iniziato a capire perché siamo stati così deboli finora. In questo test a Jerez abbiamo iniziato a lavorare. Ora abbiamo almeno capito dove dobbiamo lavorare. Ci vorrà del tempo per trovare una soluzione. Il nostro problema non sarà risolto dal prossimo Gran Premio, né nei prossimi due mesi. Ma stiamo iniziando a capire qual è il problema - assicura Bradl - Ci sono parti nell'area del telaio che devono essere cambiate. Ma è fattibile. Penso che vedremo degli aggiornamenti in questa stagione. Ci sarà sicuramente qualcosa in pista che porterà a un cambiamento significativo. Quando ciò avverrà non posso dirlo, perché non è nelle mie mani. Ma ci stiamo avvicinando ai problemi, soprattutto in questo test".

Articoli che potrebbero interessarti