Tu sei qui

Video Prova Voge Trofeo 500 AC: la cinese che non ti aspetti

Abbiamo provato l'ultima arrivata di Voge, il brand premium del colosso cinese Loncin. Una naked moderna ma con stilemi che richiamano al passato, componenti di tutto rispetto e un comportamento che la rende tanto facile quanto divertente. Ecco come va e quanto costa

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Viene da lontano ma ha tutti i tratti per far bene anche da noi, dove le moto facili sanno ritagliarsi buone posizioni nella classifica vendite: Voge Trofeo 500 AC ha stile, i numeri giusti e smentisce il luogo comune della "moto cinese". 

Voge Trofeo 500 AC: rompe i pregiudizi

Voge è il brand di punta, almeno in Europa, del colosso cinese Loncin, che ha affidato a Padana Sviluppo la distribuzione italiana delle sue moto. La mezzo litro è l'ultima arrivata tra le classiche di Voge, seguendo il percorso già tracciato dalla piccola 300. Le linee sono praticamente identiche: minimal ma sinuose, con uno stile ispirato al passato ma effettivamente moderne nel design. Crescono però la cilindrata e le misure vitali della moto... Il cuore di questa neo cafe racer è un bicilindrico da 471 cc e 47 CV di potenza. Numeri che la rendono perfetta per i patentati A2 e specifiche che fanno capire che gli ingegneri hanno preso ispirazione da un mezzo litro ormai rodatissimo proveniente dal Sol Levante. 

Raffreddato a liquido, con distribuzione a doppio albero a camme in testa e con 44,5 Nm di coppia massima a 7.000 giri questo motore è libero da ogni vincolo elettronico ed è incastonato in un telaio in tubi d'acciaio ad alto resistenziale. Sui cerchi da 17" calzati da Pirelli Angel GT lavorano una coppia di dischi a margherita da 298 mm e un elemento singolo da 240 morsi da pinze Nissin con ABS a doppio canale, mentre il reparto sospensioni è firmato Kayaba, con la forcella a steli rovesciati da 41 mm e il mono ammortizzatore regolabile nel precarico.

Piccola per definizione ma non nelle dimensioni la Trofeo da mezzo litro. La sella è infatti a 810 mm da terra, uno standard anche per le naked di cubatura maggiore, le pedane sono centrali a tutto vantaggio del comfort, e il manubrio è largo e alto il giusto, permettendo così di avere tanta leva ma di poter aggredire l'avantreno nei tratti più guidati. 

Voge Trofeo 500 AC: facile ma divertente

Ed effettivamente i passi di montagna che circondano Brescia ci hanno dato subito prova delle sue qualità: con un peso a secco di 185 kg e un interasse ridotto a 1.450 mm la Trofeo da mezzo litro risulta divertente e intuitiva. La frizione di burro e il cambio molto preciso mettono subito a proprio agio anche i meno esperti e diverte chi qualche km sulle spalle ce l'ha già. E' veloce a scendere in curva e stabile in percorrenza, grazie all'ottimo comportamento della forcella, che ha una corsa di 128 mm e alla gomma da 160 posteriore, che basta e avanza. 

L'avantreno copia bene buche e asperità, mentre il mono è molto progressivo nelle reazioni quindi è praticamente impossibile scomporla anche se si inizia ad andare allegri. Ecco, per farla diventare grintosa bisogna raggiungere i medi, almeno i 4.000 giri, e non insistere dopo i 7.500, perché in basso non è il massimo della reattività, ma è anche giusto che sia così. Unico appunto al tiro dell'impianto frenante anteriore, forse un po' troppo morbido nelle prime fasi di attacco, anche per i neofiti. Rimane ben modulabile ma per sentirlo lavorare bisogna andare con vigore sulla leva. 

Quanto costa

Voge Trofeo 500 AC è disponibile nelle concessionarie italiane a 6.290 euro in due colorazioni: argento o grigio antracite. 

Articoli che potrebbero interessarti