Tu sei qui

SBK, Test a Misano per Honda: Lecuona (e Nagashima) in pista, Vierge al box

Due giorni di prove per Iker e il tester HRC: "ottimo lavoro, stiamo migliorando". Xavi, ancora convalescente, nel ruolo di osservatore: "interessante guardare gli atri piloti in azione"

SBK: Test a Misano per Honda: Lecuona (e Nagashima) in pista, Vierge al box

Share


Mancano ancora due settimane alla prossima gara del Mondiale SBK, in programma a Donington dal 15 al 17 luglio, ma i piloti non sono fermi con le mani in mano. Quelli della Honda hanno approfittato del circuito di Misano per completare due giorni di test.

O meglio, solo Iker Lecuona ha potuto salire sulla sua CBRR-R perché Xavi Vierge è ancora convalescente dopo l’operazione alla mano destra, ma ha comunque essere presente in pista, dando il suo supporto dal box. A dare una mano con le prove è arrivato comunque il tester HRC Tetsuta Nagashima, che correrà la 8 Ore di Suzuka insieme a Lecuona e a Takumi Takahashi.

Il bel tempo ha aiutato a completate il lavoro in programma, che comprendeva prove su elettronica, setup e bilanciamento della moto.

Dopo aver trascorso un giorno a Donington la scorsa settimana, che è stato molto utile perché ho avuto la possibilità di fare esperienza su una pista bella e divertente, anche se molto impegnativa, siamo venuti qui a Misano per altri due giorni di test e sono molto soddisfatto di come sono andati - ha raccontato Lecuona - Abbiamo lavorato sul nostro programma e tutto è filato liscio, senza alcun problema. La squadra ha fatto un ottimo lavoro, c'era anche Xavi, con Tetsu Nagashima dall'altra parte del box e alcuni ingegneri giapponesi che sono venuti dall’azienda per vedere di persona.

Avere Tetsu qui è stato importante perché è un collaudatore ufficiale HRC in Giappone e ha potuto partecipare personalmente ai test e condividere la pista con me e gli altri piloti della SBK - ha continuato - È stato impegnativo in condizioni così calde e umide, ma possiamo essere soddisfatti perché penso che stiamo continuando a migliorare. Abbiamo completato due long run e se sensazioni con la moto in condizioni di caldo torrido sono state piuttosto buone, il nostro ritmo di gara è migliorato rispetto al recente round che abbiamo disputato qui. In generale, credo che abbiamo fatto un ottimo lavoro in questi due giorni. Ora mi sento un po' stanco, naturalmente, ma sono felice e pronto per il prossimo passo, con il round di Donington in programma tra un paio di settimane".

Come detto, Vierge ha dovuto fare da spettatore

"Ho avuto sentimenti contrastanti, perché naturalmente volevo guidare ma, avendo subito un intervento chirurgico di recente, abbiamo pensato che fosse meglio evitare qualsiasi rischio - ha spiegato - Sono venuto lo stesso perché questo è il mio primo anno in SBK e non ho mai avuto l'opportunità di osservare le moto in azione a bordo pista, può essere molto interessante. Quindi ho deciso di partecipare ed è stato molto interessante ascoltare i commenti di Tetsu e Iker, capire le diverse regolazioni che stanno provando e osservare loro e gli altri piloti in azione per capire di più nel tentativo di continuare a migliorare. Sono quindi felice di essere stato qui a Misano e ho sfruttato al meglio il tempo, facendo un po' di allenamento in bicicletta. Sento che la mia condizione migliora di giorno in giorno e questo è molto positivo. E naturalmente è sempre bello passare del tempo con la mia squadra nel box, anche se non nel mio ruolo abituale".

Per Nagashima è stata una prima presa di contatto con l’Europa.

"È stata un'esperienza davvero positiva per me, perché ho avuto la possibilità di capire la moto, le gomme Pirelli e il feeling con la CBR qui a Misano - il bilancio del tester giapponese - Ho fatto un’uscita con Iker, l'ho seguito e sono riuscito a capire meglio dove dobbiamo migliorare la moto. Avevo provato la CBR in Giappone e quindi questa esperienza è stata molto utile in quanto abbiamo potuto raccogliere informazioni più dirette e scambiare opinioni con Iker e Xavi. Abbiamo lavorato molto duramente in questi due giorni. Alla fine i tempi sul giro non sono stati male e anche la simulazione di gara è stata promettente. Continueremo a lavorare sodo in Giappone e spero che questo aiuti la squadra e Xavi e Iker. Ringrazio la Honda per questa grande opportunità: mi è piaciuto molto essere qui".

Articoli che potrebbero interessarti