Tu sei qui

MotoGP, Fast By Prosecco Assen - Pernat: "Aprilia vincitrice morale, Quartararo che errore"

VIDEO - "Aleix Espargarò aveva un passo incredibile, avrebbe vinto lui. Bagnaia ha corso la gara più importante della sua carriera, Honda sempre più nel baratro, non capisco tante cose"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Carlo Pernat ha commentato per noi il Gran Premio d'Olanda, sul mitico tracciato di Assen, davanti ad una bella bottiglia di Prosecco DOC. Una gara che ha offerto tantissimi spunti ed ha anche visto Fabio Quartararo commettere il primo grande errore di una stagione che fino a questo momento era stata praticamente perfetta. Il francese con la sua caduta ha riaperto il mondiale, favorendo il riavvicinamento di un monumentale Aleix Espargarò e dando una spinta a Pecco Bagnaia, che ha vinto probabilmente la gara più importante della sua carriera. 

"In questo Gran Premio abbiamo visto uno sconfitto e tanti vincitori. Lo sconfitto evidentemente è Quartararo, non ci aspettavamo un errore del genere da parte sua. L’avevamo definito come un pilota completo, navigato, che stava gestendo ormai il mondiale. Oggi ha fatto un errore clamoroso che ha riaperto il mondiale, bisogna dirlo. Peccato per Fabio, ma un brutto errore davvero. 

Tanti vincitori morali. Due in particolare, ovvero l’Aprilia e Aleix Espargarò. L’Aprilia perché veramente oggi andava bene, era forte. Aleix che era stato buttato fuori da Quartararo ha fatto una rimonta alla Marc Marquez dei vecchi tempi e negli ultimi istanti ha passato due piloti prima del traguardo. Aveva un ritmo che se fosse partito bene avrebbe vinto con una mano e mezzo, perché andava veramente forte. L’Aprilia ha messo sul podio anche Vinales, quindi non dimentichiamoci questo ottimo risultato. Ora possiamo dire che l’Aprilia è una pretendente al titolo, onestamente si. 

L’altro vincitore è sicuramente Bagnaia, assieme alla Ducati. Pecco probabilmente ha fatto il GP più importante della sua carriera. Se avesse tappato cadendo, il suo futuro sarebbe stato molto nebuloso. Invece questa vittoria gli ha riaperto la strada ed ha dimostrato che è un pilota fortissimo. Un altro vincitore morale è Marco Bezzecchi, niente da dire. Ha fatto un GP non da rookie. Podio meritatissimo, aveva già fatto capire di essere il miglior debuttante e questo podio deve essere un punto di partenza e non di arrivo. Bravo Marco. 

Bastianini ha avuto un sacco di problemi durante il weekend ed anche tanta sfortuna. Ha portato a casa dei punti importanti che lo tengono nei primi 5 in classifica. Solito disastro della Honda, che francamente non si capisce ancora il baratro dove sia. Una KTM in crescita, almeno con Binder, che con la moto giusta sarebbe sempre nei primi 5. Oliveira forse ha la testa altrove, in Aprilia. Una buona cosa per il mondiale sono le firme del contratto con Gresini sia di Fabio Di Giannantonio che di Alex Marquez, pilota anche lui rovinato dalla Honda. Quest’anno la Honda ha fatto dei disastri sia per quanto riguarda la moto che per quanto riguarda i piloti. Cosa aspettano a dire che Mir andrà con loro, non l’ho ancora capito". 

Articoli che potrebbero interessarti