Tu sei qui

MotoGP, Bastianini: "perdo sempre l'anteriore: nel warmup farò una modifica drastica"

Partirà 16°. “Sono deluso perchè siamo partiti col piede giusto e sono andato forte nelle FP4. Purtroppo la moto ha avuto un problema e ho dovuto usare l’altra su cui non avevo la stessa fiducia"

MotoGP: Bastianini: "perdo sempre l'anteriore: nel warmup farò una modifica drastica"

Share


Il periodo non è dei più fortunati per Enea Bastianini, costretto a partire dalla 16° casella nella gara di domani. Enea, che già di solito non vede nel sabato la sua miglior giornata, è incappato nella rottura di una delle sue moto, proprio all’inizio della Q1.

La seconda moto, in assetto da bagnato, dato l’imprevedibilità del meteo olandese, è stata sottoposta al rapido intervento dei meccanici del team Gresini, ma non ha restituito lo stesso feeling ad Enea, che non è riuscito a passare il turno. Domani per Bastianini si prospetta una gara in salita.

Sono deluso - esordisce Enea - perchè siamo partiti col piede giusto e sono andato forte nelle FP4. Purtroppo la moto ha avuto un problema e ho dovuto usare l’altra, su cui non avevo la stessa fiducia e che a sua volta ha avuto un piccolo problema. Non sono riuscito a tirare fuori il coniglio dal cappello. Non avevo nemmeno più gomme, perché se avessi usato la seconda soft non ne avrei avuta una per la gara, eventualmente. Purtroppo non è il mio periodo. Appena troviamo una quadra si chiude subito la porta, bisogna cercare di sfondarla, sennò è un casino”.

Bisogna andare a Lourdes a luglio, hai già deciso le gomme?
“Nono, fino a lì no. Sono sicuro che risolveremo questa situazione senza troppi problemi. Sicuramente non adesso, ma dopo la pausa troveremo la retta via. Come passo sono messo bene. La gomma media sembra quella che funziona meno. Chi ha messo la soft è stato veloce, chi ha messo la hard uguale. Io non la ho ancora provata, la proverò domattina. Magari partendo indietro avrebbe senso partire con la soft, il degrado è simile”.

Domani puoi fare una bella gara?
“Come ho detto, nelle FP4 sono andato forte, se nel warmup facciamo un piccolo passo avanto, ci giochiamo la top ten al 100%. Assen è una pista in cuio se guidi dolce vai più forte. La velocità c'è, ma stamattina mi è 'scomparso' l'anteriore e ultimamente da quando siamo tornati in Europa mi capita spesso: appena vado in piega la perdo. E non penso che sia un mio problema di guida, né forzo. La moto peraltro va bene. Le gomme sono le stesse, forse sono gli asfalti. Nel warmup faremo una modifica drastica. Peraltro Assen non è il Sachsenring, qui i sorpassi sono più facili. Mi piacerebbe chiudere nei primi otto, anche perché tolti i primi tre o quattro, penso che il gruppo rimarrà compatto”.

Articoli che potrebbero interessarti