Tu sei qui

Moto3, CIV, Carraro: il ritorno in madrepatria che non ti aspetti, inseguendo il titolo

Reduce da una stagione falcidiata dagli infortuni, Nicola Fabio Carraro si è rifatto con gli interessi al rientro nel CIV Moto3. Con una perentoria doppietta arriva al Mugello da leader di campionato per continuare a sognare in grande

Moto3: CIV, Carraro: il ritorno in madrepatria che non ti aspetti, inseguendo il titolo

Share


Il Campionato Italiano Velocità ha aperto inevitabilmente un nuovo corso con la creazione univoca della Moto3 motorizzata Yamaha 450cc al termine di una prolungata fase di studio. Telai storici della categoria che si disimpegnano e altri invece che arrivano, vedi BeOn, Phantom, Brevo e 2WheelsPoliTo. Novità tecniche senza precedenti (o quasi) che non hanno tuttavia intaccato la filosofia della nuova Moto3 nazionale, seppur accolta con scetticismo dall’opinione pubblica, in grado di riabbracciare altresì protagonisti trascorsi come Nicola Fabio Carraro. Rientrato in modo dirompente nella serie dopo un annus horribilis e attuale capo-classifica con la doppietta di Vallelunga sulle spalle.

Valzer di moto

Considerato a tutti gli effetti uno dei veterani della categoria nonostante la tenera età, classe 2002, nel quinquennio 2016-20 ha sfoggiato buone doti velocistiche nel CIV Moto3 dopo la costruttiva (e breve) parentesi in PreMoto3, toccando il punto più alto nel 2018 quando concluse al terzo posto nella generale da portacolori del Team Minimoto. L’unica nota stonata nel curriculum del pilota padovana è però dovuta alla mancanza di continuità nei risultati, figlia di una continua girandola di moto: Honda, Mahindra, KTM e infine TM. Progetti tecnici differenti che hanno consentito a Nicola Fabio Carraro di accumulare esperienza, costringendolo però a ripartire ogni volta da un foglio bianco.

Maledetti infortuni…

Passato al CEV Moto3 (oggi denominato Junior GP) con lo squadrone ufficiale TM Factory Racing Team, la malasorte ha suo malgrado condizionato pesantemente il 2021 di Nicola Fabio Carraro, il quale è stato costretto a saltare la stragrande maggioranza degli appuntamenti complice una lunga serie di infortuni. Un’annata terribile, così definita dal diretto interessato, che rischiava di compromettere irreparabilmente il proprio futuro. Presa la decisione di proseguire nel Mondiale Junior con Cross & Road Racing Team a conduzione familiare, il 20enne ha poi avuto la fiducia di We Race-SM Pos Corse per tornare a calcare i campi di gara del CIV.

Rinascita

Nella rinnovata Moto3 450cc del campionato italiano, Nicola Fabio Carraro ha ritrovato sorriso e voglia di correre. Salito immediatamente sul podio nell’apertura di stagione 2022 in quel di Misano, nel successivo round di Vallelunga ha letteralmente monopolizzato la scena, vincendo per distacco entrambe le gare. Una doppietta (la prima in carriera) che al contempo lo ha proiettato al comando della generale, oltretutto impreziosita dalla pole position del sabato.

Esame Mugello

Adesso non ha le che minima intenzione di arrestare la sua cavalcata e infatti in data odierna si è confermato tra i più veloci nella prima giornata di prove all’Autodromo Internazionale del Mugello (clicca QUI per i risultati delle qualifiche 1), a dimostrazione dell’eccellente feeling instaurato con la BeOn. La prima gara del week-end toscano è domani, ma Nicola Fabio Carraro sta finalmente trovando la costanza mancatagli troppe volte nel recente passato. L’1-2 di Vallelunga non è figlio del caso, Carraro ormai va forte ovunque. Anche perché l’obbiettivo dichiarato ad inizio stagione resta il titolo…

Photo credit: daniguazzetti.com

Articoli che potrebbero interessarti