Tu sei qui

SBK, CIV, Mugello spartiacque per Stirpe e MV: alla ricerca della competitività perduta

Il Campione 2021 Davide Stirpe ed Extreme Racing Service stanno vivendo un avvio di stagione a rallentatore nel CIV SuperSport con la nuova MV Agusta F3 800RR. Questo week-end al Mugello la prova della verità

SBK: CIV, Mugello spartiacque per Stirpe e MV: alla ricerca della competitività perduta

Share


Il nuovo regolamento tecnico, volto a favorire l’introduzione delle Next Generation, ha indubbiamente generato più di qualche motivo d’interesse attorno alla SuperSport. Progetti tecnici di ultima generazione che stanno contribuendo a dare nuova linfa alla categoria di mezzo delle derivate di serie, definita nel recente passato sulla “via del tramonto”. Un rimescolamento delle carte che, tuttavia, ha penalizzato (momentaneamente?) alcuni volti illustri del Campionato Italiano Velocità. Il Campione 2017-2021 Davide Stirpe su tutti, ancora alle prese con lo svezzamento della F3 800RR. Il week-end alle porte al Mugello rappresenta pertanto un crocevia decisivo per le sorti della stagione.

Binomio vincente…

Eccezion fatta per il primo biennio di apprendistato, dal 2016 a questa parte Davide Stirpe ha trovato la sua dimensione ideale con MV Agusta nel CIV SSP, sapendo distinguersi a più riprese sotto le insegne di Extreme Racing Service. Sebbene non fosse considerata affatto la moto di riferimento, la “vecchia” F3 675 ha letteralmente messo le ali con il pilota romano alla guida. Succeduto un po’ a sorpresa nell’albo d’oro della serie a Massimo Roccoli (anch’egli vincitore con MV nel biennio 2015-16), si è poi ripetuto lo scorso anno per una mera questione di piazzamenti nei confronti di Roberto Mercandelli in un coinvolgente epilogo a Vallelunga. E nel mezzo? Tanta costanza di rendimento perché, in aggiunta ai due titoli tricolori, il binomio ha ottenuto altri due terzi posti e un secondo nella generale. Tradotto: 13 vittorie e 16 podi in sei anni.

… meno con la F3 800RR

Andata a malincuore in pensione la F3 675, la formazione capitanata da Paolo Caravita ha perciò accolto la F3 800RR al fine di adeguarsi al regolamento tecnico in chiave 2022. Sfortunatamente però, la tre cilindri varesina ha subito manifestato delle criticità. Malgrado il grande potenziale velocistico, ogni nuovo progetto richiede tempo e soprattutto di macinare km in pista. In tal senso, i pochi test precampionato a disposizione e le bizze meteorologiche dei primi due round stagionali hanno rallentato il processo di crescita della moto, costringendo Stirpe a vivere quattro gare da comparsa con un 11° posto quale miglior risultato.

Mugello spartiacque

Ritenuto dai diretti interessati il peggio inizio di sempre, entrambi si presentano dunque sulle colline del Mugello (clicca QUI per la preview) consapevoli che il week-end toscano già si prospetta un crocevia per cercare di dare un senso alla stagione, forti dei test privati svoltisi la scorsa settimana in cui il team ha proseguito il lavoro di sviluppo. Fare risultato e rialzare il morale (ergo: ritrovare la competitività perduta) gioverebbe, oltre che a Davide Stirpe ed Extreme Racing Service, persino allo spettacolo del CIV SuperSport per avere un ulteriore marchio nonché uno dei piloti più titolati nella storia della categoria in lotta per la vittoria.

Photo credit: daniguazzetti.com

Articoli che potrebbero interessarti