Tu sei qui

Rinaldi: “Dovizioso si offre sempre di aiutarmi anche se non conosce la SBK"

“Non conosce né la moto, né le gomme, ma cerca di darmi dei consigli utili. Il podio di oggi ha più valore di quello di ieri, ma voglio essere costante per una stagione intera e non farmi vedere soltanto in alcune gare”

SBK: Rinaldi: “Dovizioso si offre sempre di aiutarmi anche se non conosce la SBK"

Share


Come accaduto lo scorso anno, il Misano World Circuit Marco Simoncelli ha esaltato Michael Ruben Rinaldi. Reduce da un avvio di stagione ben al di sotto delle aspettative, ieri pomeriggio il portacolori Aruba.it Racing Ducati si è assicurato il primo podio del 2022, mentre quest’oggi si è ripetuto in Gara 2 al culmine di una furiosa rimonta da centro gruppo dopo una Superpole Race più complicata del previsto.

“Nel warm up il ritmo con gomme usate era molto buono, ma successivamente nella SP Race qualcosa non ha funzionato tant’è che giravo un secondo più lento del mio reale potenziale. Partendo da dietro, in Gara 2 abbiamo deciso di spingere subito forte per cercare di recuperare terreno - ha ammesso - stranamente dopo pochi giri non avevo più energie, ma siamo riusciti lo stesso a salire sul podio e sono davvero soddisfatto dei miglioramenti. Alvaro sta facendo un altro sport, ma dobbiamo restare concentrati su noi stessi per stare con più costanza in top-3”.

Appurata la velocità del trio Bautista, Razgatlioglu e Rea, quale pensi che possa essere la chiave per avvicinarsi a loro?

“Il livello del campionato è veramente alto. Non c’è bisogno di studiare, ad esempio, la frenata di Toprak o Alvaro perché hanno uno stile di guida unico nel loro genere. Dobbiamo pensare a noi e capire dove compiere dei passi in avanti per raggiungerli. Voglio essere costante per una stagione intera e non farmi vedere soltanto in alcune gare, ha puntualizzato.

I due terzi posti del week-end assumono la stessa valenza?

“Penso che abbia maggiore valore quello di oggi in quanto nessuno dei piloti che mi precedevano hanno accusato dei problemi. Lo abbiamo voluto e ce lo siamo guadagnato con merito, per questo motivo sono felice”.

Il tuo amico Andrea Dovizioso si è congratulato con te?

“Dovi non conoscere né la moto, né le gomme, tuttavia si offre sempre di aiutarmi con dei consigli nel caso ne avessi bisogno. Vederlo in pista insieme ai miei amici mi ha gratificato”, ha concluso.

Articoli che potrebbero interessarti