Tu sei qui

SBK, Tourist Trophy 2022: muoiono padre e figlio in sidecar

Un'altra tragedia colpisce un'edizione del TT davvero maledetta. Roger e Bradley Stockton stavano correndo assieme ed inseguendo un sogno, il padre era alla ventesima partecipazione, il figlio alla prima

SBK: Tourist Trophy 2022: muoiono padre e figlio in sidecar

Share


Il Tourist Trophy sta presentando un conto che diventa ogni giorno più salato. Ieri è stata ufficializzata la notizia della morte dei piloti Roger e Bradley Stockton, padre e figlio iscritti alla seconda gara di sidecar sull'Isola di Man. Riportiamo integralmente il comunicato diramato dagli organizzatori della gara.

È con profondo dolore che l'Isle of Man TT Races annuncia la scomparsa di Roger e Bradley Stockton a seguito di un incidente avvenuto all'ultimo giro della seconda gara di sidecar dell'Isle of Man TT Races 2022. Roger e Bradley erano rispettivamente padre e figlio, pilota e passeggero. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alle loro famiglie, ai loro cari e ai loro amici.

All'età di 56 anni, oggi Roger ha preso parte alla sua 20a gara e alla sua 11a partecipazione al TT. Bradley, 21 anni, era alla sua seconda gara al suo primo TT. Correndo insieme, hanno ottenuto un impressionante 8° posto nella prima Sidecar Race del TT 2022, con un miglior giro a una velocità media di 106,00 miglia orarie.
Sebbene fosse il primo TT di Bradley come concorrente, non era affatto la sua prima esperienza al TT, essendo cresciuto nel paddock e avendo fatto la sua prima visita quando aveva un anno.

A 16 anni decise di seguire le orme del padre e chiese di poter correre al suo fianco come passeggero. Una volta tornato all'Isola di Man per iniziare a studiare il percorso, disse che "non vedeva l'ora di correre al TT". Il primo TT di Roger è stato nel 2000. Ha gareggiato regolarmente fino al 2008 ed è tornato nel 2010, nel 2017 e per l'evento di quest'anno. Parlando all'inizio dell'anno, ha detto: "Mi sono ritirato alcune volte in passato, ma sono sempre tornato per il mio amore per questo sport. Percorrere il percorso con il mio sangue sarà incredibile".

La perdita di due membri del nostro paddock e di due persone della stessa famiglia è davvero straziante, ma il legame tra un padre e un figlio che hanno realizzato il loro sogno di gareggiare insieme al TT ci offre un barlume di luce in un momento così buio.

Articoli che potrebbero interessarti