Tu sei qui

SBK, Rinaldi: “Non avverto la pressione, Dall’Igna porta tante soluzioni”

“Ancora non sono al 100%, ma so cosa mi manca. Al momento Rea e Bautista sono leggermente più veloci di me. Correrò per una cara persona che non c’è più”

SBK: Rinaldi: “Non avverto la pressione, Dall’Igna porta tante soluzioni”

Share


Misano è la sua gara e davanti al pubblico di casa non vuole certo tradire le aspettative, considerando che lo scorso anno conquistò il successo di Gara 1 e della Superpole Race. Un venerdì certamente incoraggiante quello di Michael Rinaldi, autore del quarto crono di giornata a soli 176 millesimi dal proprio compagno di squadra.

Il portacolori Aruba preferisce però tenere i piedi ben ancorati a terra, consapevole del fatto che serva compiere un passo avanti in vista del sabato, dove l’obiettivo è lottare con i big.

“Sono felice di questa prima giornata – ha detto Michael – dopo il test del Mugello ho cambiato metodo di lavoro, partendo comunque con la stessa base di Estoril. Toprak, Alvaro e Johnny sono davvero forti, ma il mio obiettivo è quello di essere con loro e arrivare al 100%. Non sarà facile, ma questa pista potrebbe aiutarmi. Sarà quindi importante domani fare le scelte giuste per la gara”.

Rinaldi parla poi delle gomme.

“Ho provato la soluzione B e mi sembra una scelta interessante, tanto che avevo un passo migliore rispetto a quando ho vinto lo scorso anno. Johnny e Alvaro sono però alcuni decimi più veloci di me e ho bisogno di qualcosa di più”.

Per Rinaldi il round di Misano rischia di essere un crocevia di questo 2022.

“Per me questa gara rappresenta una grande motivazione, infatti c’è tanto pubblico che trasmette calore.  Non avverto pressione. Come detto non sono ancora al 100%, ma se riesco ad arrivarci so che potrei essere là davanti dove voglio”.

Intanto nei box Aruba è arrivato anche Gigi Dall’Igna.

“Gigi è sempre al nostro fianco, anche quando non è presente fisicamente noi siamo sempre a stretto contatto con lui. Averlo qua è certamente utile. Con lui mi sono confrontato durante questa giornata ed è un grandissimo ingegnere, capace di differenti soluzioni”.

Ora l’attesa è per sabato.

“Purtroppo è venuta a mancare una cara persona e questo weekend correrò per lui. Dal test di Misano ho cambiato il metodo di lavoro, so cosa voglio e cosa mi serve per poter lottare con i migliori. Non posso infatti accontentarmi di vincere delle gare, dato che il mio obiettivo è quello di essere sempre in lotta per la vittoria”.

 

 

Articoli che potrebbero interessarti