Tu sei qui

MotoGP, Ai Barcellona, Marini, Miller e Bastianini promuovono la nuova carena

Enea: "la carena migliora l'ingresso in curva della moto, la velocità massima resta la stessa. La userò il prima possibile". Miller: "sembrava di guidare un'altra moto. Prendo più aria sulle braccia ma in ingresso curva la moto gira meglio"

MotoGP: Ai Barcellona, Marini, Miller e Bastianini promuovono la nuova carena

Share


I test del lunedì al Montmelò sono conclusi, ed alcuni piloti Ducati hanno avuto l'occasione di provare una nuova carena, che hanno promosso. Luca Marini, Jack Miller ed Enea Bastianini si sono detti soddisfatti dei miglioramenti, sopratutto in ingresso curva. La nuova carena potrebbe venire utilizzata già a partire da Silverstone, dopo la pausa estiva.

"E' stata una giornata positiva - ci racconta Luca Marini - sono soddisfatto dei test. Forse abbiamo già trovato delle soluzioni, ma lo vedremo al Sachsenring. Abbiamo provato principalmente il setup e la nuova carena. Con la carena le sensazioni sono migliori in ingresso curva, sul rettilineo forse potremmo guadagnare 1 km/h, ma bisognerà controllare i dati per avere più certezze".

Nelle ultime gare le tue prestazioni sono migliorate.
"Abbiamo trovato una buona base che funziona, operiamo delle piccole modifiche ma il dna della moto resta lo stesso. Oggi ai test il circuito aveva comunque problemi di grip, ma non ai livelli della gara di Domenica".

Anche Jack Miller si dice soddisfatto della nuova carena.
"Oggi è andata molto bene - prosegue poi Jack Miller - sembrava di guidare un'altra moto.Il passo era veloce, il feeling era buono. Ho provato alcuni setup diversi, ma le condizioni del tracciato sono diverse rispetto alla gara quindi è difficile avere delle vere certezze. La carena mi ha dato delle ottime impressioni, ovviamente ha dei vantaggi e degli svantaggi, le mie braccia incontrano più aria, ma in ingresso curva la moto gira meglio. Con una delle vecchie carene più grandi, il corpo prendeva meno aria ma sacrificava qualcosa in curva. Potrebbe essere una buona soluzione su alcuni circuiti".

In gara hai optato per una gomma dura al posteriore, una scelta sbagliata?
"Sulla carta i dati ci indirizzavano verso quella opzione. A fine gara aspettavo che la moto di Zarco, che ha optato per la stessa mescola, tornasse ai box per scaricare i dati e vederci chiaro. Ha guidato in modo più aggressivo ed è riuscito a fare dei tempi buoni alla fine".

Enea: "la utilizzerò sicuramente"

"Abbiamo fatto un passo in avanti - ci racconta Enea - nulla di rivoluzionario, ma il passo è migliorato. Ho provato un nuovo setup della forcella, in curva siamo migliorati in velocità, e con la nuova carena la moto migliora molto in ingresso nelle curve veloci. Nel complesso è stata una giornata positiva".

Hai idea di quando vedremo questa nuova carena in azione?
"Non lo so con certezza, probabilmente dopo la pausa estiva."

In quali circuiti potrebbe rivelarsi vantaggiosa?
"Ovviamente in quei circuiti con molti cambi di direzione, come Silverstone, potrebbe fare la differenza. Anche in termini di velocità massima eguaglia il mio setup precedente. La versione precedente avevo deciso di non utilizzarla perché non volevo giocarmi l'omologazione. Questa nuova versione invece sicuramente la utilizzerò appena disponibile" ha poi concluso il pilota del team Gresini.

Articoli che potrebbero interessarti