Tu sei qui

MotoGP, Quartararo: "Non sono stato perfetto, ma non avrei mai fatto la pole"

"Ieri ero davvero in difficoltà, oggi il maggiore grip sull'asfalto mi ha dato la confidenza giusta. La prima fila va bene, ho dato il massimo ed ottenere di più era impossibile"

MotoGP: Quartararo: "Non sono stato perfetto, ma non avrei mai fatto la pole"

Share


Fabio Quartararo è la vera ancora di salvezza della Yamaha e nelle qualifiche del Gran Premio di Catalogna a Barcellona l'ha dimostrato una volta in più, arpionando una prima fila che sembrava quasi impossibile da raggiungere vista la fortissima concorrenza di Aprilia e Ducati al Montmelò. Il lungo rettilineo non è di certo favorevole alla Yamaha M1 di Fabio, che però come sempre in questa stagione ha saputo ribaltare la situazione dimostrando di essere in partita anche per la vittoria domani. 

E' infatti proprio sul passo gara che Fabio fa impressione, considerando  che è stato praticamente l'unico a replicare quanto mostrato da Aleix Espargarò, particolarmente ispirato nel suo GP di casa e pronto a conquistare la seconda vittoria stagionale per l'Aprilia dopo quella in Argentina. Quartararo ha iniziato questo fine settimana con l'annuncio del prolungamento del contratto con la Casa di Iwata per le prossime due stagioni, quindi eliminata ogni variabile riguardante il suo futuro, sarà totalmente concentrato su un presente che lo vede ancora leader del mondiale con otto preziosi punti di vantaggio proprio su Espargarò. 

"Ieri è stato difficile, non avevo confidenza con le gomme nuove - ha detto Quartararo - stamattina anche non avevo un grande passo e onestamente non mi aspettavo di essere così veloce e così presto. Ma mi sono sentito molto bene in FP4, ho fatto degli ottimi giri. In qualifica ho dato il massimo, magari non avrei mai potuto lottare per la pole e neanche per il secondo posto, ma sono felice per come è andata e penso che sarò pronto domani. Forse in qualifica avrei potuto fare qualcosina in più, ma sono contento così". 

Non hai fatto la pole, ma ti senti pronto per lottare domani. 
"Abbiamo il potenziale e la velocità, anche se non siamo gli unici. Tutti sanno quanto è critica qui la situazione per le gomme sul finale di gara, ma siamo tutti preparati. Penso che tutti abbiano un’idea molto chiara di come gestire questa situazione". 

Marini ha detto che secondo lui il problema domani potrebbe essere più l'anteriore che la posteriore. Tu cosa ne pensi?
"Per me, la gomma anteriore è ok. Ho provato entrambe, sia la media che la dura, e non credo che avremo problemi. Si tratterà di avere senza dubbio una strategia in gara, decidere quando spingere di più o di meno, ma non credo proprio che il problema possa essere l’anteriore in gara". 

Hai detto di esserti sentito subito bene oggi. Cosa è cambiato rispetto a ieri?
"Ieri mi sentivo bene con la moto, ma non avevo nessun grip. Io penso semplicemente che abbiamo cambiato delle piccole cose sulla moto che ci hanno aiutato, ma penso che il passo in avanti dipenda di più dal maggior grip dell’asfalto che c'era oggi. Non penso di aver fatto chissà quali cambiamenti, non è stato questo a farmi fare un grande passo in avanti". 

Articoli che potrebbero interessarti